mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Librerie ai tempi del Coronavirus, intervista a Lino Frizzo della veneziana Acqua Alta: “Speriamo di tornare presto alla normalità”

HomeVenezia cittàLibrerie ai tempi del Coronavirus, intervista a Lino Frizzo della veneziana Acqua Alta: "Speriamo di tornare presto alla normalità"

Venezia, Libreria Acqua Alta. La scrittrice Pamela Corbo presenta “L’amore di una mamma”

Le librerie riaprono i battenti, primo accenno di normalità in questa situazione complicata per il coronavirus.
Nonostante l’emergenza sanitaria da covid-19 sia ancora grave, il trend di miglioramento per quanto riguarda guariti e dimessi dalle terapie intensive lascia ben sperare.

In Veneto è già iniziata la cosiddetta “fase 2”, la parziale riapertura di alcune aziende che tornano al lavoro nel rispetto delle norme igienico sanitarie vigenti a causa della pandemia. Di questo processo di riapertura parziale e graduale fanno parte le librerie, che per due giorni a settimana possono tornare operative rispettando le norme di sicurezza per tutelare le persone e dunque mantenendo ingressi contingentati e l’uso delle mascherine.

Molte di queste attività, a Venezia, erano già state messe a dura prova dall’acqua alta eccezionale del 12 novembre, e tra queste c’è la libreria Acqua Alta, conosciuta anche per la caratteristica gondola piena di libri all’interno del negozio. Lino Frizzo, figlio di Luigi, titolare della libreria a Santa Maria Formosa, fa il punto della situazione.

Avete dovuto chiudere a causa dell’emergenza, come l’avete vissuto?
“È stato ovviamente un grosso dispiacere ma inevitabile perché di colpo ci siamo trovati con la libreria vuota e la gente spaventata di potersi ammalare”

Cosa ne pensate della possibilità di poter riaprire 2 giorni a settimana?
“Due giorni di apertura a settimana sono pochi però è comunque un segnale di inizio di vita sociale e soprattutto un servizio per i residenti che, anche se non sono tanti, hanno la possibilità di tornare in libreria”

Che effetto fa vedere Venezia così silenziosa e spoglia del turismo? 
“Deprimente. Poteva essere l’occasione per i veneziani di godere del patrimonio che hanno a disposizione, ma l’obbligo di stare a casa non permette di poter vivere una città che di colpo si trova senza la classica confusione.”

Come vi aspettate la convivenza nel rispetto delle norme igienico sanitarie del momento? 
“Molto complicato sia per noi che per la stragrande maggioranza delle attività. Sono i numeri grandi che permettono di poter adempiere alle ingenti spese di gestione delle attività e con un inevitabile crollo delle vendite sarà tutto molto più difficile. La speranza è che si torni al più presto alla normalità”

Alessia Tosi

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...

“C’è l’obbligo di vaccinazione, perché non posso scegliere il Novavax?”. Lettere

Siamo a gennaio 2022 ( i commenti che ho letto sono molto più vecchi). Non mi sono ancora vaccinata perché, vedendo anche brutte conseguenze post vaccino su alcune persone a me conosciute ( direttamente o indirettamente) a me questa Terapia genica...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Ore 12, settanta persone al Pala Expo si alzano in piedi e si mettono a cantare: è il coro della Fenice che ringrazia il...

Come in un flash mob, bello perché sorprende ed emoziona. Improvvisamente e inaspettatamente 70 persone, che parevano in attesa del proprio turno, a mezzogiorno si sono alzate in piedi e si sono esibite per mezz'ora a sorpresa, in mezzo allo stupore degli...

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...