2.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

La Regione Veneto toglie l’Urbanistica a La Città Metropolitana

HomeNotizie Venezia e MestreLa Regione Veneto toglie l’Urbanistica a La Città Metropolitana
la notizia dopo la pubblicità

 La Regione Veneto toglie l’Urbanistica a La Città Metropolitana

Galeotti quegli articoli di legge che tolgono a La Città metropolitana gli strumenti atti ad esercitare la politica territoriale che si prefigge. La notizia è stata diffusa e commentata nella commissione Affari istituzionali presieduta da Massimo Finozzi, convocata per la valutazione del disegno di legge 194 relativo al Bilancio. Palazzo Balbi toglie di fatto la delega all’Urbanistica a La città Metropolitana e solo questo annuncio di per sé strabiliante la dice lunga su tutta la filosofia regionale.

Ed ecco riproposta la diatriba Regione Province e Comuni che cerca chiarezza fra i meandri dei nuovi articoli di legge. Anci e Upi hanno accolto malamente l’accezione dell’articolo 1 che riporta alla Regione le competenze e le funzioni che erano state assegnate alle province e a La Città metropolitana. E si tratta di referati di una certa importanza, che equivalgono al settore del turismo, energia, industria, caccia e pesca, ambiente, pianificazione territoriale, scuole superiori e tanti altri ambiti, che tradizionalmente facevano riferimento ai comuni e alle province.

A rinforzare il malessere c’è anche l’articolo 3 che riduce da 40 a 28 milioni di euro i trasferimenti relativi agli stipendi del personale, anche se questa previsione si sposterà oltre il 2017. Per nulla rassicurata la casa Enti locali, lamenta scarsa comunicazione e decisioni assunte senza confronto politico. Lamentano convocazioni “fatte all’ultimo momento”, molti dirigenti non erano stati avvertiti e tanti, dal presidente nazionale dell’Upi Achille Variati, ad altri esponenti politici quali Enoch Soranzo e Massimo Sensini, sono intenzionati a fare chiarezza e a rimuovere, laddove è possibile le previsioni legislative.

Inutilmente il presidente Finozzi cerca di rassicurare i relatori che sostengono La Città Metropolitana: Luigi Brugnaro e il segretario Stefano Nen si sono premurati di scrivere una lettera al governatore Luca Zaia, alla Giunta e al Consiglio regionale, attraverso la quale rivendicano le originarie attribuzioni e competenze e auspicano il riconoscimento e l’attribuzione dei poteri di urbanistica e pianificazione che la legge Delrio assegna a La Città Metropolitana.

Sono emersi alcuni spiacevoli particolari per sostenere la filosofia regionale, come il fatto che nella ricognizione complessiva siano emerse lacune e inefficienze gestionali da parte di Comuni e Province, tanto che la Regione “si è sentita autorizzata a riprendersele”. Più avanti, spiega Zaia, “si vedrà”.

Un grande punto interrogativo preme sul Turismo: la regione aveva affidato ai Comuni la gestione delle neo Organizzazione di gestione delle organizzazioni, escludendo Apt e Iat (provocando parecchi malumori date le competenze e l’esperienza decennali), ma ora sembra aver cambiato idea e anche in questo caso lamenta ritardi sulla comunicazione dei dati statistici dell’extra alberghiero.

Tante le contraddizioni che spingono i destinatari della legge 194 a protestare nei confronti di una politica accentratrice, proprio da parte di chi critica la politica centralista e quindi i consiglieri del Pd Francesca Zottis e Bruno Pigozzo promettono battaglia in buona compagnia, nell’attesa che da parte regionale arrivi un ripensamento.

Andreina Corso

18/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...