lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

La Milano bene trema: abusi su modelle minorenni, tre manager della moda in manette

HomeViolenza sessualeLa Milano bene trema: abusi su modelle minorenni, tre manager della moda in manette

Abusi su modelle minorenni, una vittima, “eravamo carne da macello”. Anche clienti facoltosi tra gli “incontri”.
La più giovane è del 2004, ha solo 17 anni. Le altre sono di poco più grandi, appena maggiorenni. Cadute nella rete di chi si è finto amico e le ha poi trattate come “carne da macello”.
Una storia squallida di sfruttamento e abusi, dietro il paravento del mondo dorato della sfilate di moda e del glamour, con protagonisti tre uomini, due dei quali sedicenti “manager”: Francesco P., 41 anni, accusato di violenza sessuale, prostituzione minorile, induzione e favoreggiamento della prostituzione e Massimiliano V., 43 anni, accusato di prostituzione minorile ed induzione e favoreggiamento della prostituzione.
Entrambi sono stati arrestati, mentre ai domiciliari è finito il terzo indagato, G.F. 35 anni, che risponde di prostituzione minorile. Avrebbe avuto rapporti con una sedicenne in cambio di denaro.
Il primo è un agente di moda palermitano, il secondo è il titolare di un’agenzia che presta servizi di promozione e supporto sul web alle imprese.
Insieme hanno creato una struttura che ingaggia giovani modelle siciliane fatte poi partecipare ad eventi di respiro nazionale e internazionale a Milano e Parigi, capitali europee della moda.
Il terzo indagato, amico dei primi due, gravitava nell’ambiente

dell’agenzia.
L’indagine, condotta dalla polizia e coordinata dalla Procura di Palermo, nasce dalla denuncia della madre di una delle vittime che ha scoperto dal ragazzo della figlia le violenze psicologiche e sessuali che la ragazzina avrebbe subito per anni dai due uomini che l’avrebbero anche fatta prostituire con altri.
La giovane, “ingaggiata” quando aveva appena 15 anni, una volta diventata maggiorenne ha confermato tutto alla madre che ha deciso di rivolgersi alla polizia.
Le parole della vittima, sentita con l’aiuto di una psicologa, raccontano di una sorta di plagio subito dalle ragazze che gravitavano nell’agenzia di moda.
Reclutate sui social, blandite, lusingate, trattate in modo apparentemente amichevole, finivano per prostituirsi con i primi due in cambio di poche decine di euro e della promessa di un futuro nel mondo della moda.
“Tu che sei padre come fai?”, chiedeva la vittima che ha denunciato uno dei due.
Le ragazze erano trattate come oggetti. Erano costrette a stare con amici dei due dopo aver partecipato a casting o eventi.
Gente della Milano “bene” dei locali alla moda,

si parla di un noto chef, “uomini coi soldi”, dice la ragazzina, che descrive i suoi aguzzini, tutti identificati e ora indagati.
“Aveva la pancia e i denti brutti”, racconta di uno mostrando il disgusto provato.
“Eravamo carne da macello”, conferma un’altra delle vittime.
Solo lei ha confermato la denuncia della giovane modella, ma secondo gli inquirenti, tutte le ragazze passate per l’agenzia sarebbero state costrette a subire la stessa sorte.
“Mi hanno fatto vedere le foto, un bordello, io non volevo parlare ma mi hanno fatto parlare per forza gli ho detto che eravamo ubriachi”, accenna in una conversazione intercettata un’altra giovane assolutamente reticente con gli investigatori.
Ma i racconti delle vittime sono stati confermati anche dalle intercettazioni delle conversazioni di due amici degli indagati.
Il gip che ha disposto gli arresti dei tre parla di “strategia fatta di messaggi subdoli e perversamente seduttivi”, di una “trappola” tesa a plagiare ragazze, fragili, abbagliate da fama.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“C’è l’obbligo di vaccinazione, perché non posso scegliere il Novavax?”. Lettere

Siamo a gennaio 2022 ( i commenti che ho letto sono molto più vecchi). Non mi sono ancora vaccinata perché, vedendo anche brutte conseguenze post vaccino su alcune persone a me conosciute ( direttamente o indirettamente) a me questa Terapia genica...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.