7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Juventus fermata dalla Lazio che reclama però un rigore per un mani di Bonucci

HomeCalcioJuventus fermata dalla Lazio che reclama però un rigore per un mani di Bonucci
la notizia dopo la pubblicità

Juventus fermata dalla Lazio che reclama rigore per mani di Bonucci buffon espulso

La Juventus ha molte qualità, e questo è noto a tutti, ma forse la più fondamentale è il carattere di ferro. Riteniamo che poche squadre sarebbero state capaci di uscire indenni da questa notte ghiacciata, con un portiere come Gigi Buffon espulso e in svantaggio di un gol con 65 minuti da giocare contro una Lazio carica di entusiasmo e rinvigorita dalla cura Reja.

Juventus che avrebbe meritato di perdere, che rischia fortemente di perdere, come dimostrano i due pali che scuotono la porta di Storari, subentrato a Gigi. Ma, come un pugile che sa incassare, non va giù, sta in piedi, e prova a ribattere i colpi dell’avversario più agile come può.

IL record di vittorie si è fermato. Lazio – Juventus ha dimostrato molte cose: che ci sono periodi come questi, dove si ferma a 12 il record di vittorie consecutive, che si può essere eliminati dalla Roma in Coppa Italia, che si fa fatica a trovare un pareggio contro la Lazio, ma anche che sa soffrire, sa battersi, che lo spirito di gruppo è intatto.
Quello che si incontra possono essere anche piccoli incidenti di percorso: l’Inter, la Fiorentina e ora la Lazio sono stati gli unici a strappare punti a Madama quest’anno.

Juventus che gioca priva di Chiellini, squalificato, e di Pirlo, a riposo in vista dell’Inter, più vivace in campo, ma che tradisce un certo deficit di concentrazione contro la Lazio.
Bianconeri stanno in campo bene, triangolando, convinti sulla basa dell’esperienza che arrivi il momento giusto, il momento del ko. Invece la Lazio che sta molto sulle sue, cerca di concedere poco e di ripartire all’occorrenza.

E proprio da una leggerezza per ritenuta manifesta superiorità viene l’improvviso pericolo: retropassaggio di Barzagli e una volta il tedesco arriva in ritardo, la seconda no. La difesa bianconera risulta imbambolata sul lancio di Konko che taglia per Klose davanti a Buffon. Netto l’anticipo dell’attaccante della Lazio. A questo punto delle due l’una: o lasciarlo andare o stenderlo. Buffon sceglie la seconda. Massa decide di espellerlo e Candreva trasforma il calcio di rigore.

La Juventus deve rimontare, e non è facile in dieci. Ci riesce segnando un grandissimo gol con Llorente che, dopo un quarto d’ora del secondo tempo, va ad addomesticare di testa con una torsione pazzesca un cross di Lichtsteiner innescato da Tevez.

Poi è una partita a flipper: su un calcio di punizione di Ledesma, Storari compie una paratona deviando sulla traversa una testata da tre metri di Klose. Appena lungo un invito di Llorente per Vidal. Keita, appena entrato, centra il palo, Llorente viene stoppato al momento del tiro decisivo.

La Juventus è fermata dalla Lazio alla fine, che però reclama per un rigore per un mani di Bonucci.

Roberto Dal Maschio

[26/01/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...
spot

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...
Advertisements

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...