mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Incendio Marghera, Comune: frutta e verdura si possono mangiare

HomeInquinamentoIncendio Marghera, Comune: frutta e verdura si possono mangiare

Incendio Marghera: frutta e verdura si può raccogliere

Incendio a Marghera, l’Ulss dà l’ok anche alla raccolta di ortofrutta a Mestre, Marghera e in tutto il territorio comunale, l’Arpav inoltre ha escluso presenze di residui chimici inquinanti in Laguna e nelle aree adibite a molluschicoltura.

Nessun problema quindi per gli allevamenti di molluschi e mitili nelle acque della Laguna, dove non sono state rilevate tracce di inquinanti che non si riscontrano neppure nei campioni di frutta e ortaggi raccolti per essere analizzati nelle diverse zone campionate del territorio (Mestre, Marghera, Sant’Erasmo, Vignole). Questo il risultato dalle analisi effettuate da Arpav, che ha escluso il rischio per il consumo di frutta, ortaggi, oltre ai molluschi e mitili, le cui analisi non hanno rilevato presenza di Ipa (Idrocarburi Policiclici aromatici).

In attesa di ulteriori indagini, resta invece il divieto di pesca nelle vicinanze dell’azienda andata a fuoco venerdì scorso, nel Canale Lusore-Brentelle, Canale Industriale Ovest e Nord, Banchina Azoto fino al canale dei Petroli.

“Fanno tirare un sospiro di sollievo i risultati delle analisi effettuate nei propri laboratori su acqua, aria e alimenti dall’Agenzia per la Prevenzione e la Protezione ambientale del Veneto e trasmessi al Comune di Venezia e all’Ulss 3 – spiega l’assessore all’Ambiente Massimiliano De Martin – sarà così possibile tornare a consumare frutta e verdura coltivata a Mestre e Marghera, la cui raccolta era stata sospesa in via precauzionale venerdì scorso”.

Domenica 17 e lunedì 18 maggio ARPAV, con il supporto della Guardia costiera, ha effettuato due campagne di controlli e prelievi nei canali e in laguna. L’attività è stata resa necessaria per l’ingente quantitativo di acque di spegnimento prodotte durante l’emergenza nello stabilimento 3VSigma e tracimate nel Canale Lusore-Brentella per superamento della capacità di stoccaggio.

“Nei canali Lusore–Brentella e darsena Rana – scrive Arpav nella sua relazione – permane la presenza di tracce di inquinanti. In alcuni punti all’interno dei canali industriali sono stati rilevati parametri traccianti delle acque di spegnimento superiori al limite di quantificazione, ma comunque in diminuzione rispetto ai primi monitoraggi”.

Nei campioni di domenica 17 sono stati ricercati anche i composti PFAS che possono essere presenti nelle acque di spegnimento e che “in tutti i punti di campionamento – rilevano le analisi – non hanno riscontrato valori superiori ai limiti di quantificazione”.

Nelle acque della laguna, vicino ai banchi di molluschi, tra San Leonardo e Malamocco, non è stata riscontrata la presenza di inquinanti. Anche le analisi dell’aria non hanno portato riscontri di criticità.

“Voglio ringraziare tutti soggetti che sono intervenuti per l’emergenza – ha concluso De Martin – Per tutto il weekend Forze dell’ordine, Vigili del Fuoco, Arpav, Ulss 3 “Serenissima”, Regione Veneto, Prefettura, Capitaneria di Porto, Protezione Civile, Guardie ai fuochi del Porto di Venezia, Città Metropolitana, Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per il Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, Veritas hanno operato per mettere in sicurezza l’area e fare le necessarie verifiche ed analisi. Il nostro pensiero va anche ai due feriti ancora ricoverati e a tutti i dipendenti che hanno visto letteralmente ‘andare in fumo’ il posto di lavoro e che ora vanno protetti”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Infarto durante corsa: tragedia a Treviso. Ha 12 anni

Momenti grande paura oggi per un ragazzo di 12 anni colpito da un arresto cardiaco mentre stava correndo una marcia campestre a Vittorio Veneto, nel trevigiano. Il giovane atleta, iscritto alle Fiamme Oro di Padova, è stato visto barcollare e poi...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...