lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Incendio della Fenice: 25 anni dopo Vera Mantengoli racconta “La notte di fuoco”

HomeIn CopertinaIncendio della Fenice: 25 anni dopo Vera Mantengoli racconta "La notte di fuoco"

Una notte nera come la pece. A Venezia l’odore di bruciato si era presto diffuso per le calli e i sestieri, da San Marco si alzarono particelle di cenere che raggiunsero le finestre delle case e vennero trasportate per chilometri dal forte vento, accompagnate dai suoni delle sirene.
Era la sera del 29 gennaio 1996 e bruciava il teatro La Fenice, un luogo simbolo della città e della sua cultura. E come l’uccello mitologico, anche il teatro veneziano rinacque dalle proprie ceneri.
Oggi, a 25 anni di distanza da quel fatto di cronaca che sconvolse la città e lasciò con il fiato sospeso il mondo intero, un nuovo libro ne ripercorre la storia attraverso le interviste di chi c’era e ha vissuto quei difficili momenti. Testimonianze che aggiungono particolari, dettagli e sensazioni di quei momenti di paura. E gli articoli di giornale dell’epoca, provenienti dall’archivio della Nuova Venezia, che raccontano la “notte di fuoco”. Così si intitola anche il libro: “La Fenice 29 gennaio 1996 – La notte di fuoco: storie, interviste e articoli”.
L’autrice è la giornalista Vera Mantengoli, che ricostruisce il caso Fenice cominciando proprio da quella notte, con dodici testimoni. Dodici storie interessanti, raccontate in prima persona e con ritmo incalzante, come dodici erano le voci del coro della tragedia greca, accomunate dalla stessa visione, apocalittica.
Parla il custode Gilberto Paggiaro, che venne improvvisamente avvolto da una nuvola di fumo irrespirabile, e la violinista Daniela Santi che assistette al rogo.

Intervistato anche il pompiere Roberto Tentellini che, infrangendo le norme, sorvolò la città con l’elicottero, versando dall’alto centinaia di migliaia di litri di acqua sul teatro e sui palazzi vicini per evitare il diffondersi delle fiamme. E ancora, lo scultore Guerrino Lovato che oggi racconta come cinque anni dopo quella notte ricostruì i prototipi in creta della nuova Fenice e il musicologo Veniero Rizzardi ricorda la “nevicata” nera di cenere.
Il monito dei Futuristi di bruciare la città è ricordato dalla regista Alessandra Galletta e la pioggia di tizzoni infuocati dall’avvocato Gaetano Guzzardi. Il cielo del giorno dopo invece, descritto dalla poetessa Anna Toscano, chiude le testimonianze del libro.
La seconda parte del volume è dedicata alle interviste.
Non mancano i colpi di scena, l’aiuto della tecnologia nelle indagini, perché per la prima volta in Italia si utilizzarono le celle telefoniche. Il riassunto dei passaggi chiave che portarono alla condanna dei due elettricisti è narrato da Felice Casson, il pubblico ministero che all’epoca seguì il caso. 
E quindi Paolo Costa, già ministro dei Lavori pubblici, ripercorre come, da sindaco della città, riuscì ad uscire dal groviglio di contenziosi in seguito all’incendio e avviare la ricostruzione dello storico teatro.
Sentito anche il sovrintendente della Fenice Fortunato Ortombina, che spiega perché il teatro d’opera è il luogo di tutti e racconta la Fenice oggi, messa alla prova dall’attuale pandemia.

Dai ricordi di chi c’era e di chi rappresentava le istituzioni fino alla terza parte del libro, la raccolta di articoli pubblicati dal quotidiano La Nuova Venezia che ricostruisce il caso dalla notte di fuoco fino alla scoperta di Carella in Messico, dove era fuggito.
Un filo rosso, come le fiamme che avvolsero la Fenice, lega tutti i capitoli del libro e accompagna il lettore a scoprire aneddoti sconosciuti, alcuni dimenticati, di quella vicenda.
Il volume si chiude con una galleria di immagini d’epoca, del fotografo Gianfranco Tagliapietra, fondatore di Interpress. 
La prefazione è della professoressa Donatella Calabi che introduce l’acceso dibattito in città che portò alla rinascita del teatro “dov’era e com’era”, proprio come avvenne per la ricostruzione del campanile di San Marco.
La casa editrice è Editoriale Programma, il libro è acquistabile in edicola per alcuni giorni, fino al 29 gennaio, poi si potrà trovare nelle librerie.
Giorgia Pradolin

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all’imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

Venezia, il degrado del comportamento delle persone ha toccato livelli mai raggiunti prima. Questa mattina un vaporetto ha attraccato al pontile di San Zaccaria, ma i viaggiatori che sono saliti a bordo hanno trovato una disgustosa sorpresa. Un passeggero si era appena...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...