lunedì 17 Gennaio 2022
9.6 C
Venezia

All’estero Hilary parla di politica, da noi Ilary parla di calcio

HomeCalcio,facciamo il punto. Di Mattia CagalliAll'estero Hilary parla di politica, da noi Ilary parla di calcio

All'estero Hilary parla di politica, da noi Ilary parla di calcio

Francesco Totti ha compiuto quarant’anni e non accenna a voler appendere le scarpette al chiodo. Povera Roma oserei dire.

Come già detto in qualche articolo passato, credo fermamente che nonostante la bravura della bandiera giallorossa, l’ambiente calcistico capitolino sia vittima della figura Totti.

A quarant’anni, per quanto forti si possa essere non si può pretendere di essere titolari fissi e l’influenza del Capitano (anche inconsciamente), all’interno dello spogliatoio è sempre stata presente.

Non può essere un caso che l’unico allenatore a vincere a Roma, sia stato Fabio Capello; mister con personalità forte che ha quasi spinto Totti a trasferirsi al Real Madrid.

Dal punto di vista romantico, la sua permanenza a Roma è stato certamente un grande gesto ma il non essersi mai confrontato con altre realtà è stato anche il suo limite. Ho la sensazione che sia stata una forma di “paura”, terrore di abbandonare un luogo sicuro dove era ed è idolatrato sempre e comunque. Lo stesso timore che sembra impedirgli di smettere.

Sulle parole di Ilary Blasy è meglio stendere un velo pietoso.

Non che le donne non possano parlare di calcio ma quando si da del piccolo uomo all’allenatore o di collegare il cervello prima di parlare al presidente della Roma… Forse bisognerebbe pensare prima di aprire bocca.

Incredibile che in questo paese le parole di una subrette e moglie di un calciatore, centralizzino l’attenzione di tutti.

Sorvoliamo quindi e passiamo al campionato vero e proprio.

La Juventus anche se con difficoltà, ha battuto anche il Palermo e ha riconquistato il primo posto. De Zerbi, allenatore dei rosanero, conferma di essere un profilo interessante.

Il presidente Zamparini ha affermato che con il nuovo allenatore, ora il Palermo è una vera squadra; fossi in De Zerbi già mi preoccuperei.

Chi ha dato una grande prova di forza è stato il Napoli, con la vittoria sul Chievo ha dimostrato di essere l’unica rivale dei bianconeri.

I gialloblu della diga sono oramai una realtà della serie A e quest’anno lotteranno molto probabilmente per un posto alle spalle delle così dette grandi.

Grandi di cui fa parte la Roma, anche se la sconfitta con il Torino è figlia del momento tutt’altro che felice dei giallorossi.

L’effetto Spalletti è già in calo e l’allenatore non sembra avere più in mano la squadra. Sarà un caso ma il non idilliaco rapporto con il capitano sembra influenzare l’andamento della squadra.

Come detto vincere a Roma non è mai facile per nessuno e l’ex mister dello Zenit non fa eccezione.

Chi è passato da incapace ad eroe è Frank De Boer, allenatore dell’Inter che, dopo la vittoria sulla Juventus non è andato oltre al pareggio con il Bologna.

Felsinei che si prospetta una futura “grande” ma che al momento non sembra ottenere i risultati sperati.

Nel frattempo dall’altro lato dei Navigli, tutti sono contenti di Vincenzo Montella ma nel frattempo un rigore ha castigato il Milan, contro la Fiorentina.

Tutto questo mentre le voci di false garanzie cinesi, si susseguono anche dall’Asia. Cosa ci sia di vero, è ancora da verificare ma quel che è certo è che in Italia tutto è sospetto e sospettoso.

Mattia Cagalli | 01/10/2016 | (Photo d’archive) | [cod campioca]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.