7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Grumi sciolti di Cinzia Della Ciana – Storie di un’umanità che vive

HomeLibriGrumi sciolti di Cinzia Della Ciana – Storie di un'umanità che vive
la notizia dopo la pubblicità

Cinzia Della Ciana, avvocatessa toscana, per la sesta volta è ospite della nostra rubrica dedicata ai nuovi libri in uscita. In questo 2020 arriva in libreria con un’altra raccolta di racconti, ”Grumi sciolti” (Edizioni Helicon, pagg. 176, €14,00), una serie di componimenti lirici (18) dedicati a, che riflettono lo stile colto, fantasioso, colorato e profondo, dell’autrice, che sa evocare, attraverso immagini che si imprimono nella mente.

Cinzia Della Ciana da poeta e scrittrice, con quest’ultima opera, sembra essere diventata anche pittrice. Quei grumi non sono altro ché la pittura e i colori sparsi su una tela, che alla fine del libro si vede veramente nella sua naturale bellezza. Il lettore, che diventa il pennello in mano all’autrice-pittrice, si fa guidare dalle sue mani (o meglio, dalle sue parole), scoprendo a poco a poco la traiettoria e la composizione del ”quadro”.

Ma cosa c’è, cosa si intravede in questo quadro, qual è il suo significato?
Un microcosmo umano, quell’umanità che l’autrice ama da sempre raccontare e descrivere, con le sue gioie e con i suoi dolori: che vive. Ma che è anche un’umanità sola, ferita, delusa, in cerca di riscatto, quella che sfida la sorte e quella che alla sorte, ahi noi, si arrende.

Il libro è diviso in tre sezioni, la prima (Grumi) è dedicata tutta alle donne (di cinque racconti). Hanno un rapporto conflittuale con il passato, urgenza di vivere il presente, resistono a chi le tratta come delle cose, vogliono trovarsi e rivendicano la proprietà di se stesse.
La seconda sezione (Grumi sciolti) è composta da nove racconti, dove l’introspezione lascia il posto a uno sguardo attento e disincantato su un mondo variopinto e sfaccettato, da apparire surreale, fatto di passioni, credenze, rituali, ma anche dubbi e paure di uomini e donne.
Si giunge poi a Grani, la terza ed ultima sezione, con racconti che parlano di autoaffermazione. Incipit ed explicit, racchiudono il quadro: sono la sua cornice, la voce narrante della raccolta, inizialmente un grumo arso, che poi si lascia invadere dall’acqua.

Le storie, protagoniste del libro, sono ricche di “grumi”, cioè “luoghi di addensamento”, in cui ogni componente fluida (l’acqua è un elemento sempre presente nella letteratura di Cinzia Della Ciana) si perde e resta solo la materia, che si rapprende, chiudendosi a giro. Ma siccome tutto è movimento, il grumo si evolve in una spirale che lo porta inevitabilmente a spandersi, a sciogliersi, a nebulizzarsi lasciando a galleggiare in sospensione dei grani, a loro volta sono nuclei di potenziali nuovi grumi.

La particolarità e la bellezza di queste storie è data da alcune macchie speciali di colore: manifestazioni improvvise, incontri casuali, dettagli, oggetti che si animano, contrasti, dolorosi ricordi e tante sinestesie, suoni, odori, sensazioni tattili, che si mescolano e avvolgono il lettore all’interno di questo quadro narrativo.

Grumi sciolti è l’ennesima prova di abilità, linguistica ed emozionale di Cinzia Della Ciana, che come nelle opere precedenti, riesce a scavare, a pennellare, ad imprimere su tela la bellezza della vita, perché nonostante i lati positivi e quelli negativi, val la pena di essere vissuta.

Alice Bianco

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Alice Bianco Sara Prian
Laureate in Tecniche Artistiche e dello spettacolo, sono grandi esperte di cinema e libri. Curano la rubrica di opere letterarie: recensioni editoriali, rassegne e nuove uscite. Sono Editor, Social Media Manager, Copywriter E' possibile contattarle a: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...