COMMENTA QUESTO FATTO
 

Campane troppo forti

Furti in chiese del Veneto, da oggi si conoscono i 3 presunti autori. Tre persone sono state infatti denunciate dai Carabinieri della stazione di Lendinara (Rovigo) perché sospettati di essere i responsabili di una serie di furti in chiese delle province di Rovigo e Verona, messi a segno nel 2016.
I furti nelle chiese avrebbero fruttato un bottino di circa 50 mila euro.

Le tre persone denunciate dai carabinieri sono tre cittadini romeni:
G.D.C., 39 anni, I.R.S. (27) e I.C.B. (25), residenti in provincia di Pisa, tutti e tre attualmente irreperibili.

Il primo degli episodi risale al 5 giugno 2016, ai danni della Basilica della Madonna del Frassino di Peschiera del Garda (Verona) dove, dopo aver sfondato una teca in vetro, i ladri trafugarono monili, coroncine in oro e angioletti in argento.

Seguirono, il 10 e 14 giugno, un tentato furto alla Basilica della Madonna del Pilastrello di Lendinara, quindi il 16 novembre, sempre a Peschiera, con bottino monili e coroncine in oro ex voto.

Il 3 dicembre 2016 i malviventi si sono spostati al Santuario della Madonna dei Miracoli di Motta di Livenza (Treviso), impossessandosi di tutti i monili ex voto.

Il 12 dicembre 2016 i ladri tornarono alla Madonna del Pilastrello portando via altri monili in oro e coroncine ex voto, e infine il 15 dicembre nella Basilica di Caorle (Venezia), dopo aver forzato le inferriate, sfondarono una teca in vetro impossessandosi di monili ed ex voto.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here