COMMENTA QUESTO FATTO
 

fidati di me

Cosa accade quando nella tua sicura vita da teenager, arriva un uragano a stravolgerla e a farti scoprire il vero, passionale, amore? A raccontarcelo ci prova Jessa Holbrook con Fidati di me, collana Giunti Y, traduzione di Adria Tissoni, dove ci fa incontrare Sarah, una ragazza che ama la musica quanto la sua vita, fidanzata da anni con Dave, la sua metà nella vita ma anche nei DaSa, la band che, nel suo piccolo, sta facendo successo. Ma un giorno, ad una festa, Sarah s’imbatte in Will, il ragazzo più popolare della scuola e lui sembra non avere occhi che per lei. La ragazza si troverà davanti ad un bivio: lasciare la strada sicura per percorrere quella nuova, oppure continuare a rimanere nella sicurezza dell’abbraccio di Dave?

Jessa Holbrook ha la capacità di prendere il giovane lettore immediatamente, di dare vita all’azione senza inutili preamboli, impiegandoci praticamente due pagine per farci entrare completamente nella storia e per rapportarci con la protagonista. Sarah è una ragazza come tante, invisibile tranne quando sta sul palco, ma nella quale moltissime lettrici teen ager potranno rivedersi. Certo è difficile credere ad un innamoramento così veloce come quello che capita tra lei e Will, manca un po’ di pathos, un po’ di tensione, che renda credibile il fatto che il ragazzo più popolare della scuola che non aveva mai considerato Sarah di uno sguardo, grazie ad una esibizione e ad un costume d’Atena, voglia buttarsi tra le sue braccia.

Ma una volta accettato il compromesso che siamo davanti ad una narrativa young adult che vuole e deve, per forza di cose, acchiappare subito il lettore, anche noi, lettori adulti e più esigenti, possiamo goderci una storia semplice, ma che riesce a mettere in risalto alcuni degli aspetti più contraddittori e complessi dei ragazzi d’oggi.

C’è l’amore, quello poco razionale, quello che ti fa prendere decisioni avventate, l’impeto di provare il nuovo, di non saper resistere anche se si ponderano tutte le possibilità. C’è la paura di fidarsi, la paura di lasciare andare lontano chi si ama sperando in cuor proprio che la lontananza non possa minare il sentimento. C’è la voglia di lottare nei propri sogni, nelle proprie passioni e avere qualcuno accanto che sappia assecondarle.

In Fidati di Me, paura e desiderio si alternano esattamente come nella nostra vita, con personaggi vivi, tangibili, per i quali sarà facile parteggiare o provare repulsione. I lettori infatti, come nelle migliori saghe teen (anche se qui di saga non si tratta) si troveranno a parteggiare per il Team Dave o il Team Will. Ci sono alcuni personaggi che sono davvero per costruiti e hanno un’importanza rilevante, nonostante vengano considerati schematicamente secondari. Un esempio è Jane, la miglior amica di Sarah, vero grillo parlante della sua coscienza, sempre pronta a sostenerla e ad assecondarla, ma che regala alcune perle di saggezza e si trasforma in una sorta di alter ego del lettore che vorrebbe consigliare Sarah e accudirla.

Fidati di Me è un buon libro per ragazzi, ma anche voi adulti, se amate il genere, non potrete mancare all’acquisto di un grande sentimento.

Sara Prian

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here