martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Exordia – Latinizzando… in versi

HomeLibri, recensioni e nuove usciteExordia – Latinizzando... in versi

Exordia copertina libro

Amore per l’antico, per il latino, il greco e la poesia, questo ha spinto un giovane come Vittorio Cerruti, classe 1990, ad intraprendere un’epopea senza dubbio innovativa ed unica, approcciandosi al passato, facendolo proprio e riusciendoci con successo. Tutt’altro che una contraddizione il termine ”innovativa”, perché conservare il patrimonio culturale, le nostre radici e soprattutto quando a farlo è un giovane e in maniera sperimentale, è qualcosa che stupisce.

Exordia (Zenzero Edizioni, ebook €3.99) è poesia rara, storia e passato che convivono nel mondo letterario contemporaneo, fatto di madrigali, sonetti, settenari ed anche tanka giapponesi e sijo coreani (entrambi componimenti poetici). Da Sisifo alla Prima Guerra Mondiale, dall’Adamello ad Ariosto, Cerruti spazia raccontando di sentimenti, dell’umanità, della morte, ma soprattutto della circolarità del tempo e della speranza.

”Sijo” significa ”ritmo del tempo”, proprio il tema su cui l’autore si concentra di più. La raccolta di poesie inizia e si conclude infatti, con due immagini che nella loro ”disfatta”, dopo il trascorrere delle ore, dei mesi e degli anni, rinascono o hanno intenzione di rialzarsi, cariche di speranza.

In Exordia però, c’è spazio anche per la realtà, i sentimenti (l’amore ma anche l’invidia), il dolore ma anche l’invito a non arrendersi. Senza dimenticare un’altra delle passioni di Cerruti, la mitologia, che trova il suo angolo di paradiso per esempio nel componimento ”Lelapo arruginito” o ”Vendetta” dedicato all’Eneide o ”Regulus”, il basilisco, l’animale fantastico che diventa metafora.

Ogni parola è pensata, ragionata, calibrata, segue uno schema, la cosiddetta metrica e si fa immagine, suggestione, avvicinando così il lettore. Peccando un po’ forse di perfezione e lirismo, l’autore cerca però di tendere una mano a chi legge: al termine di ogni componimento infatti, né da la spiegazione. Si sa, le poesie per la maggior parte andrebbero interpretate individualmente, ma il commento finale ad ognuna di esse, è senz’altro un aiuto ad una maggior comprensione.

Così lontano, ma così vicino, Exordia è un mondo classico che rivive e si avvicina al lettore, attraverso neologismi, termini ritrovati e portati a luce nuova. Senza dubbio un esordio atipico, è un’opera insolita ma alquanto ricca di significato, pensieri e riscoperte che trasportano nel passato il lettore, gettando un nuovo sguardo sul presente, un occhio ovviamente speranzoso.

Alice Bianco

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

“C’è l’obbligo di vaccinazione, perché non posso scegliere il Novavax?”. Lettere

Siamo a gennaio 2022 ( i commenti che ho letto sono molto più vecchi). Non mi sono ancora vaccinata perché, vedendo anche brutte conseguenze post vaccino su alcune persone a me conosciute ( direttamente o indirettamente) a me questa Terapia genica...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...