29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Essien è arrivato al Milan. Parametro zero, giocherà in Champions

HomeCalcioEssien è arrivato al Milan. Parametro zero, giocherà in Champions

Michael Essien è arrivato al Milan

Essien Michael è arrivato al Milan. Operazione lampo per i rossoneri su indicazione del nuovo tecnico. Clarence Seedorf aveva visto subito che serviva un mediano con determinate caratteristiche, lui lo conosceva, si è attaccato al telefono e il giocatore alle 20.30 della sera, puntulmente, è sbarcato dall’aereo.

Michael Essien ha 31 anni, ha la scuola di Mourinho, ed ora potrà beneficiare delle indicazioni del ‘Professore’. «Sono qui proprio per Clarence, ho parlato con lui: è un grande uomo, spero diventi anche un grande manager», ha detto intanto il ghanese.

Essien possiede tutte e tre le caratteristiche che Adriano Galliani andava cercando: è un mediano che può giocare nella linea a due davanti alla difesa (visto che, nonostante i dubbi, si va avanti con il 4-2-3-1, a partire dalla sfida di domani pomeriggio a Cagliari), è arruolabile in Champions (con l’Atletico Madrid mancheranno sia Muntari che Montolivo, cui è stato respinto il ricorso) ed è un parametro zero.

Essien arriva al Milan a titolo definitivo, avrà un contratto fino al 30 giugno 2015 e si è più che dimezzato lo stipendio (prenderà 2,5 all’anno) per permettere il trasferimento.

Ieri, nonostante voci di nuovi dissidi tra lei e Galliani, Barbara Berlusconi ha portato il sostegno della proprietà alla squadra trascorrendo la giornata a Milanello. Arrivo alle 11, due ore di chiacchierata con l’allenatore, che Barbara fin qui aveva incrociato solo a San Siro.

Poi, dopo il pranzo, uno sguardo all’allenamento che Seedorf ha voluto ancora una volta aperto alla stampa. Attimi di apprensione quando Balotelli ha preso un pestone al piede sinistro e ha dovuto lasciare, ma non ci saranno problemi per la partita di domani.

Seedorf è una scoperta continua per il Milan, quindi anche per Barbara Berlusconi che, viste la personalità e l’abilità comunicativa dell’olandese, l’ha voluto coinvolgere maggiormente nella parte commerciale: l’idea è che il tecnico debba essere il primo «testimonial» della squadra e che debba aiutare i giocatori anche a gestire tutti gli impegni di questo genere, sponsor compresi. E qualche consiglio Clarence l’ha già dato, rivolgendosi ancora una volta all’Nba.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.