30.1 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Tomaello visita l’emporio della solidarietà: in arrivo anche farmaci

HomeSolidarietàTomaello visita l’emporio della solidarietà: in arrivo anche farmaci

Il vicesindaco Andrea Tomaello ha visitato giovedì 15 aprile l’Emporio della Solidarietà Sant’Alvise di Venezia.
Ad accoglierlo la presidente Anna Brondino, pronta a illustrare le attività del centro che da due anni tende una mano a centinaia di famiglie bisognose di aiuto.
L’Emporio ha sede nei locali dell’ex ospedale Umberto I, vicino a campo Sant’Alvise.
Inaugurato nel novembre del 2019, è gestito dall’associazione ‘Corte del Forner’.
Si sostiene grazie a finanziamenti delle istituzioni e alle donazioni dei volontari (chi vuole può donare facendo la spesa in alcuni supermercati cittadini).
E’ una sorta di ‘negozio’ in cui le famiglie in difficoltà, segnalate dai servizi sociali, da Caritas o dalla stessa associazione, possono fare la spesa gratis, come spiega Anna Brondino: “A tutti coloro che si rivolgono a noi viene dedicato un progetto di durata semestrale, rinnovabile”.
“Dopo sei mesi infatti i richiedenti potrebbero non avere più bisogno dei nostri servizi. Il primo accesso avviene con un colloquio introduttivo. Dopodiché viene consegnato all’utente un tesserino a punti (sono minimo 500 per i single e aumentano di 200 per ogni componente aggiuntivo del nucleo familiare). I punti sostituiscono il denaro e sono spendibili per fare la spesa all’Emporio entro un mese”.

Nel corso dell’incontro con il vicesindaco è emersa la necessità di ideare nuovi canali per intercettare le necessità degli indigenti. “Le persone in difficoltà, infatti, a causa dell’emergenza sanitaria, stanno aumentando. Inoltre, alcuni non si possono permettere le bollette del telefono e non hanno accesso ad internet, perciò non sanno come contattare l’Emporio” precisa a tal proposito Brondino.
“Spesso però è solo l’imbarazzo a frenare chi necessita di assistenza. Chiunque ne abbia bisogno può rivolgersi a noi senza esitazione e senza alcun timore. E’ possibile anche chiamarci al 3519834350 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12) o scriverci una mail cortedelforner@gmail.com. In alternativa si può contattare anche il DIME (tel.041041) o la segreteria dei Servizi sociali (tel.0412747425). A oggi sono attivi circa 120 progetti per altrettanti utenti della città di Venezia. Tuttavia è un momento di grande difficoltà in cui è indispensabile la collaborazione di tutte le istituzioni”.

Oltre a soddisfare il bisogno di cibo l’Emporio si propone anche di educare a un corretto stile alimentare. Per contrastare anche la povertà culturale il centro distribuisce tablet utili per lo smart working e la didattica a distanza. Entro un mese inoltre sarà attivato uno sportello di orientamento al lavoro e saranno forniti anche farmaci da banco. La visita del vicesindaco è stata occasione utile anche per discutere di nuovi progetti futuri legati allo sport in cui l’Emporio avrà un ruolo. “Stiamo ideando nuove iniziative in collaborazione tra il Comune di Venezia, l’Emporio e le associazioni sportive rivolte ai più giovani” ha annunciato Tomaello.

(nella foto: la presidente Anna Brondino e il vicesindaco Andrea Tomaello)

» ti potrebbe interessare anche: “TERREMOTO, MOBILITAZIONE DI SOLIDARIETA’, VENEZIA C’E’

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.