20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Due aggressioni a Marghera e alla Gazzera in poche ore

HomeMestre e terrafermaDue aggressioni a Marghera e alla Gazzera in poche ore

donna aggredita

Due donne, due aggressioni in un solo giorno nella terraferma veneziana. Due vittime di 45 e 48 anni.

La prima è stata aggredita a Marghera, verso 16.45 di sabato pomeriggio in via Fratelli Bandiera. La donna stava tranquillamente passeggiando nella sua zona, quando qualcuno l’ha presa alle spalle.

L’uomo, un 32enne di origine pakistana, si è lanciato contro di lei palpandola, ma la donna ha tentato fin da subito di divincolarsi, riuscendo a liberarsi e a fuggire.

L’aggressore, arrabbiato, ha iniziato a lanciarle dietro dei sassi e poi si è abbassato i pantaloni. La 45enne ha quindi, dopo essersi ripresa un po’, avvisato la polizia che, giunta immediatamente sul posto, ha individuato il 32enne.

L’uomo ha reagito al tentativo di cattura, dimostrando uno stato psicofisico evidentemente alterato, ed è stato così condotto all’Ospedale di Mestre, mentre su di lui grava la denuncia di tentata violenza sessuale e atti osceni in luogo pubblico.

L’altra vittima è, invece, una 48enne che sabato, tornando verso mezzanotte nella zona di Gazzera Bassa in sella alla sua bicicletta, si è trovata accerchiata da due uomini che l’hanno spinta facendola cadere.

I due aggressori le hanno preso la borsetta e così la donna è riuscita a fermare una volta della polizia in pattuglia, informandoli dell’accaduto.

Redazione

[01/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.