20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Degrado di Mestre, eliminate le panchine da via Carducci

HomeMestre e terrafermaDegrado di Mestre, eliminate le panchine da via Carducci

via carducci

Mestre si batte con le unghie e con i denti per debellare il degrado che la sta affliggendo.

I primi passi sono stati fatti l’altro giorno potando le siepi, divenute tunnel per lo spaccio, e ora anche con l’eliminazione delle panchine tra via Carducci e via Piave. Eliminate anche le assi di legno delle panchine che si trovavano tra la fermata del bus e il Simply, oltre che quelle accanto al negozio Acqua&Sapone.

Il tutto per evitare ulteriori bivacchi di mal intenzionati e sbandati. Questa è però solo la prima parte di una serie d’interventi che verranno effettuati nei prossimi mesi.

Il disagio in via Carducci, infatti, negli ultimi giorni aveva raggiunto dei livelli quasi insostenibili.

Nei giorni a venire, come spiegato dall’assessore all’Ambiente Gianfranco Bettin, verranno spostati anche i cassonetti per i rifiuti, per evitare che vengano ancora usati come gabinetti a cielo aperti. Dove ora ci sono arbusti e siepi, molto presto ci sarà un prato basso, più facile da controllare e pulire.

Soddisfatti i residenti «Così si interviene in alcuni angoli che stavano diventando davvero pericoli», spiega il portavoce Alberto Semenzato.

Gli stessi cittadini hanno anche delle idee per abbellire la zona come abbattere una parte della muratura, aggiungere aiuole o vasi di fiori che limitino il più possibile il bivacco.

E sulle polemiche Bettin risponde così: «Noi puntiamo a ridisegnare complessivamente i contesti più problematici e a integrare interventi e servizi diversi». A questo aggiunge come bisognerebbe vietare agli esercizi pubblici di vendere alcolici a persone già ubriache. Se questo non venisse fatto, si potrebbe pensare ad una pena come la chiusura temporanea dell’esercizio.

Redazione

[27/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.