venerdì 21 Gennaio 2022
1 C
Venezia

Degrado a Mestre, sindaco e Giunta e la soluzione per Via Piave

HomeMestre e terrafermaDegrado a Mestre, sindaco e Giunta e la soluzione per Via Piave

via piave mestre fee

Il sindaco Luigi Brugnaro non ha dubbi: Via Piave di Mestre deve diventare un problema nazionale, chiede poteri più forti e spendibili per arginare il traffico di droga” e la situazione di disagio che ne deriva, costringendo gli abitanti della zona a stare sempre sulla difensiva, a temere serie conseguenze per la loro incolumità”.

Assessori e Sindaco si sono confrontati giorni fa con Paolo Antonini, che è stato aggredito per aver rimproverato un ragazzo che faceva la pipì sulla sua porta di casa, a due passi dai giardini di Via Piave. Un episodio, l’ennesimo, ha spiegato, che si somma ad uno spaccio sfacciato e impunito, a situazioni di degrado urbano e sociale: un insieme di circostanze che gli abitanti non riescono più a sopportare.

Le numerose iniziative atte a valorizzare il quartiere e rivitalizzare la parte positiva che i cittadini esprimono, come quelle organizzate al Parco Piraghetto, e il Farmer’s che troverà ospitalità proprio nei giardini di via Piave.
Momenti importanti di aggregazione per la nascita di una nuova e condivisa dimensione umana, che non riescono tuttavia a modificare “quella realtà” e a frenare il degrado.

E Sindaco, Giunta, Consiglio comunale, Municipalità e vigili urbani, hanno manifestato l’intenzione di chiedere al Governo di poter usare maniere energiche per dissuadere chi disturba e compie reati. Il sindaco pensa che una notte in cella potrebbe essere un tentativo… utile. Sarà attuabile, e soprattutto: sarà sufficiente?

La missione istituzionale ha visitato il quartiere, parlato con gli abitanti, gli esercenti, ascoltato i tanti racconti, episodi che fanno di Via Piave (forse per la sua adiacenza alla stazione ferroviaria?) una zona da proteggere.

Eppure, con i dovuti distinguo, sarebbe utile capire i motivi che hanno portato a questa situazione, comprendere chi è vittima e chi è carnefice in questa deriva, come intervenire socialmente, prevenire, arginare situazioni di disagio e di abbandono. Senza questa necessaria analisi sarà difficile modificare lo stato sociale, proprio perché la complessità degli elementi che minano la vivibilità di alcuni quartieri, rende indispensabile un’analisi accorta e competente.

Un percorso possibilmente all’unisono fra figure istituzionali, che hanno sì il dovere di difendere i cittadini e di reprimere chi viola le leggi, ma anche di rimuovere le cause dell’emarginazione e del degrado.

Andreina Corso | 22/05/2016 | (Photo d’archive) | [cod piaveme]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

“Ma è normale che il marinaio Actv abbandoni una borsa trovata a bordo in un pontile deserto?”. Lettere

Mi piacerebbe capire se il seguente comportamento è normale: fatto avvenuto la sera del 12 dicembre, a bordo del motoscafo linea 4.1 delle ore 20,16 circa, partenza piazzale Roma, direzione Murano. Alla stazione una coppia scende e dimentica una borsa che il marinaio...