Papa Francesco: cristiani e musulmani, siamo fratelli

ultimo aggiornamento: 03/12/2015 ore 08:25

125

Durante la visita nella moschea principale di Bangui (Repubblica Centrafricana), papa Francesco ha spiegato che “Tra cristiani e musulmani siamo fratelli. Sappiamo bene che gli ultimi avvenimenti e le violenze che hanno scosso il vostro Paese non erano fondati su motivi propriamente religiosi”.

Le cronache e soprattutto i video che girano in rete mostrano che nell’atto di uccidere, fucilare, sgozzare, tagliare o smembrare un’infedele, gli esecutori ringraziano “Dio” gridando a squarciagola Allah Akbar.

Oltre a ciò, tutti i comunicati dell’Isis indirizzati all’Occidente, sono accompagnati da versetti coranici e da lodi ad Allah. Dopo la negazione dell’impegno dei fratelli dell’Isis (migliaia di massacrati) a favore della causa islamica, non sarebbe il caso di smentire la vulgata per cui le ingiustizie piovono unicamente sui poveri, gli indifesi e gli ultimi?


Gianni Toffali
Verona

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here