Coronavirus, in Veneto sperimentazione farmaci a domicilio

ultimo aggiornamento: 31/03/2020 ore 17:16

388

Coronavirus, in Veneto sperimentazione farmaci a domicilio

Parte nel Veneto la sperimentazione dei farmaci a domicilio per i pazienti positivi al Coronavirus. Il dg della Sanità veneta, Domenico Mantoan, ha trasmesso alle Ulss il protocollo per avviare la sperimentazione di alcuni farmaci direttamente a domicilio, usando una procedura messa a punto dal Comitato Scientifico della Regione.

Tra i farmaci utilizzati nel protocollo il Tocilizumab e il giapponese Avigan, ma anche Clorochina/Idrossiclorochina, Lopinavir/Ritonavir, Duranavir/Ritronavir, Remdesivir.

Il Documento è stato redatto alla luce delle attuali conoscenze scientifiche degli studi clinici, sulla base della pratica clinica e dello scenario epidemiologico ed organizzativo attuale della Regione Veneto.

Sarà soggetto ad aggiornamento periodico in rapporto alle nuove evidenze scientifiche e all’evoluzione del quadro epidemiologico, e si basa sulla revisione delle limitate evidenze scientifiche disponibili al momento e su documenti di indicazione terapeutica sviluppati da enti di riferimento nazionali ed internazionali.

L’Aifa ha autorizzato il rimborso anche in regime domiciliare e a carico del Ssn dei medicinali per 3 mesi. L’ impiego è riferito al trattamento e non alla profilassi per COVID-19.

I medicinali dovranno essere dispensati dalle farmacie ospedaliere. E’ prevista la trasmissione ad Aifa dei dati relativi ai pazienti trattati. I trattamenti possono dunque partire anche a domicilio e, qualora le terapie fossero iniziate in ospedale, potranno essere proseguite a domicilio o in Rsa, su prescrizione dello specialista infettivologo o pneumologo.

Saranno considerati candidati alla terapia domiciliare i pazienti con positività del tampone nasofaringeo per COV-19; febbre oltre i 38 gradi; tosse; frequenza Respiratoria:15-20 atti respiratori/minuto; Frequenza cardiaca 51-100 Battiti/minuto; pressione sistolica 101-160; saturazione ossigeno inferiore al 95%; saturazione ossigeno dopo “Test del cammino”.

I medici di famiglia, i pediatri e i medici di Continuità Assistenziale, mediante la sorveglianza sanitaria attiva operata con triage telefonico di iniziativa, comunicano il nominativo e l’ indirizzo dei pazienti all’Unita Speciale di Continuità Assistenziale che opera per valutazioni dei soggetti con sintomi che devono essere considerati come sospetti casi Covid.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here