Coronavirus: fumatori hanno danni più gravi. Francia: anti-infiammatori possono aggravare

ultimo aggiornamento: 14/03/2020 ore 15:19

739

coronavirus danni fumatori stop anti-infiammatori

Coronavirus: per i fumatori il rischio della terapia intensiva raddoppia. L’Istituto Superiore della Sanità riporta che in Italia 11,6 milioni fumano ancora e questo è proprio il momento di smettere.
“Un terzo dei fumatori positivi al Covid-19 presentava all’atto del ricovero una situazione clinica più grave dei non fumatori e per loro il rischio di aver bisogno di terapia intensiva e ventilazione meccanica è più che doppio”.

Gli esperti dell’istituto Superiore di Sanità (Iss) non lasciano spazio alle interpretazioni e ribadiscono l’importanza di smettere di fumare, soprattutto in questo momento. “E’ ormai dimostrato che il fumo di tabacco attivo e passivo favorisca le infezioni respiratorie. Non ci stupisce quindi – scrive Roberta Pacifici, direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Iss – che recentissimi studi relativi al Covid-19 abbiano evidenziato un rischio di malattia più severa tra i fumatori”.

Questi studi ipotizzano anche che la condizione di fumatore spieghi la differenza di genere nel tasso di letalità riscontata che sarebbe del 4,7% negli uomini contro il 2,8% nelle donne. In Italia i fumatori sono 11,6 milioni, gli uomini che fumano sono oltre 7 milioni e le donne 4,5 milioni.

Nonostante esistano i Centri Antifumo su tutto il territorio e il numero verde 800 554088, “i tentativi di smettere di fumare sono negli ultimi anni in diminuzione”. “La necessità di cambiamenti delle abitudini giornaliere, che questa epidemia ci impone”, afferma l’esperta, andrebbero utilizzati per smettere. La ricerca scientifica ha confermato infatti che quando si smette, già “dopo poche settimane, migliorano gli scambi gassosi respiratori della circolazione, migliorano la tosse e i problemi respiratori”.

In tema di coronavirus, invece, dalla Francia arriva un altro allarme: ‘anti-infiammatori possono aggravare’.
Prendere farmaci antiinfiammatori, contenenti ibuprofene o cortisone ad esempio, “potrebbe essere un fattore aggravante dell’infezione” nei malati di coronavirus: E’ l’avvertimento del ministro della Salute francese, Olivier Véran. “Prendere anti-infiammatori (ibuprofène, cortisone…) – ha scritto Véran su Twitter – potrebbe essere un fattore aggravante dell’infezione. In caso di febbre, prendete del paracetamolo. Se siete già sotto anti-infiammatori o in caso di dubbio, chiedete consiglio al vostro medico”.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here