3.8 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Compra la droga a San Polo ma non ha soldi per i tunisini: rapina la prima che passa

HomeSicurezzaCompra la droga a San Polo ma non ha soldi per i tunisini: rapina la prima che passa
la notizia dopo la pubblicità

A Venezia aggredito da nordafricano mentre fa elemosina, a Mestre altro tentativo di strappare Iphone dalle mani

In Campo per acquistare “una dose”: compra la droga a San Polo ma non ha i soldi per pagarla. Evidentemente però, con i tunisini che la vendevano non si scherza, così ferma la prima ragazza che passa per strada e, sotto la minaccia di una siringa, le sfila 40 euro dal portafoglio per pagare il suo “debito”.

E’ accaduto questa notte poco prima dell’una. La Sala Operativa inviava un equipaggio della Squadra Volanti a Venezia sestiere San Polo per una ragazza che in quel momento si trovava in compagnia di una coppia di turisti che si era fermata a prestarle soccorso.

Agli agenti la giovane, italiana di 20 anni, raccontava che poco prima, mentre camminava in zona Campo Sant’Aponal, veniva avvicinata da un ragazzo, alto 1,75 m con capelli scuri e ricci, che indossava un piumino marrone.
Il ragazzo, brandendo una siringa, le intimava di consegnargli tutti i soldi in suo possesso. La giovane, senza opporre resistenza quindi gli consegnava il portafogli dal quale l’uomo asportava la somma di 40 euro per poi darsi precipitosamente alla fuga in direzione del Ponte di Rialto.

La coppia che aveva prestato soccorso alla giovane raccontava poi di essersi imbattuta poco prima in un uomo che corrispondeva alla descrizione, che correva nella loro direzione rischiando di travolgerli.

I poliziotti hanno pertanto iniziato le ricerche e poco dopo lo hanno individuato in Santa Croce – Calle delle Rose procedendo immediatamente a bloccarlo.

Il giovane veniva riconosciuto senza ombra di dubbio dalla sua vittima e dalla coppia di turisti e accompagnato presso gli uffici della Questura per gli accertamenti del caso.

Identificato per C.G. ventinovenne di Venezia con numerosi precedenti di polizia, agli agenti riferiva di aver perpetrato la rapina ai danni della ragazza poiché, poco prima, aveva acquistato della sostanza stupefacente da dei soggetti di origine tunisina che si trovavano in Campo San Polo senza di fatto pagarli, quindi vistosi costretto a ottemperare al suo debito decideva di rapinare la donna.

Avvisata l’Autorità Giudiziaria l’uomo veniva denunciato in stato di libertà per il reato di rapina.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti