19 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Campo Sinti, le casette fatte dal Comune ora si abbattono: “Per prevenire la marginalità”

HomeRomCampo Sinti, le casette fatte dal Comune ora si abbattono: "Per prevenire la marginalità"

Campo Sinti, le casette fatte dal Comune ora si abbattono: "Per prevenire la marginalità"

Campo Sinti in via del Granoturco: abbattuti stamattina altri sette moduli abitativi. Colle e Venturini: “Un atto necessario per evitare l’arrivo di altre situazioni di marginalità sociale”.

Ruspe in azione questa mattina al campo Sinti in via del Granoturco a Favaro Veneto, inaugurato nel novembre del 2009.

Dopo i cinque moduli abitativi già rasi al suolo lo scorso anno sono state abbattute oggi altre sette casette, alla presenza della vicesindaco di Venezia, Luciana Colle, e dell’assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini.

“Lo scopo – ha spiegato Venturini – è di evitare che le casette rimaste vuote, in stato estremamente degradato e quindi irrecuperabili e inutilizzabili per altri scopi di natura sociale, possano essere occupate da altre persone, magari provenienti da campi nomadi di altre città, creando ulteriori situazioni di tensione e di marginalità sociale. In questi ultimi anni il Comune ha voluto accendere i riflettori sulla situazione del campo, con una particolare attenzione ai diritti dei bambini e all’assolvimento dell’obbligo scolastico”.

venturini colle abbattimento casette sinti up 680
Vicesindaco di Venezia, Luciana Colle, a destra, e l’assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini.

“La nostra volontà – ha ribadito Colle – è di evitare situazioni di marginalità, come quelle che si erano venute a creare in questi anni. L’obiettivo è ridare dignità alle persone e ai luoghi, nel rispetto anche di chi abita in questa zona.

Il nuovo campo Rom nel 2009 era stato voluto dalla Giunta Cacciari e il costo delle casette (e relativi allacciamenti) era stato di quasi 4 milioni di euro. L’iniziativa, per dare una sistemazione decorosa alla popolazione Rom demolendo l’accampamento di via Vallenari, aveva provocato vivaci proteste di privati e comitati che evidenziavano come molti cittadini “regolari” fossero senza casa.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.