Borseggiatori a Venezia, la banda dei minorenni

ultimo aggiornamento: 16/02/2015 ore 19:10

110

Borseggiatori a Venezia

Ieri sera, domenica 15 febbraio, a Piazzale Roma e nell’ambito dei servizi antiborseggio predisposti per Carnevale, il Nucleo di Polizia giudiziaria della Polizia municipale, ha arrestato in flagranza del reato di tentato furto pluriaggravato in concorso aggravato, Osmanovic Biserka, Osmanovic Emanuela e Budak Vallensia, tre cittadine croate rispettivamente di 19 (le prime due) e 22 anni, che hanno agito avvalendosi di tre complici, tutti minorenni con precedenti e noti alle forze dell’ordine perché già oggetto di fermo per azioni compiute all’imbarcadero di Santa Lucia.

Alle ore 18.45, gli agenti in abiti civili, hanno intercettato la banda di Borseggiatori a Venezia nella corsia dell’autobus diretto all’aeroporto (numero 5). Una volta individuata la vittima, coprendone lo zaino con una sciarpa, una delle tre donne ha tentato di sottrarne il contenuto, ma senza successo, grazie all’intervento degli operatori di polizia locale, che hanno successivamente condotto i sei borseggiatori nella sede del Servizio sicurezza urbana.


A seguito degli accertamenti, i tre minorenni sono stati condotti in una comunità in provincia di Padova, mentre le tre maggiorenni sono state arrestate, condannate dal giudice Claudia Gualtieri ad un anno di reclusione con 200 euro di multa e poste in libertà perché non pregiudicate.

Con gli arresti di ieri, precisa il Nucleo di Polizia giudiziaria della Polizia municipale, sale ad undici il numero dei borseggiatori colti in flagranza nel periodo di Carnevale.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here