25.5 C
Venezia
sabato 24 Luglio 2021

8 marzo: festa per una donna sempre più impegnata e ora con stress da Covid

HomeDonne8 marzo: festa per una donna sempre più impegnata e ora con stress da Covid

8 marzo: festa per una donna sempre più impegnata, alle prese con figli, famiglia, casa e lavoro. In questo quadro di stress da un anno si aggiunge l’ansia per il Covid.
A volte in smart-working, a volte alle prese con didattica a distanza, la pandemia ha stravolto gli equilibri familiari. Mettendo a segno un duro colpo per il sesso femminile.
E’ quanto emerge da un sondaggio promosso dall’EURODAP (Associazione Europea per il Disturbo da Attacchi di Panico) a cui hanno risposto 532 donne.
Per il 73% la pandemia da Covid ha complicato la vita, aumentando gli impegni e lo stress.
Ciò che ha inciso di più è stato il maggiore carico lavorativo: se da un lato lo smart-working può essere ritenuto utile e funzionale, dall’altro la mancata interazione con i colleghi, la continua reperibilità e le maggiori distrazioni dalle necessità familiari non aiutano a mantenere i livelli di stress sotto soglia.
Lo stesso per le casalinghe, che improvvisamente si sono ritrovate invase nella loro ‘postazione di lavoro’.
Il 63%, inoltre, lamenta l’impossibilità di trovare del tempo per sé stessa e, per il 45%, risulta impossibile riuscire a far fronte a tutti gli impegni giornalieri.
“La pandemia ha creato inevitabilmente

squilibri, disagi e pressioni che hanno modificato il nostro modo di vivere e, in questo scenario, il ruolo che si è trovata a rivestire la donna non è da sottovalutare – spiega Eleonora Iacobelli, psicoterapeuta e presidente EURODAP -. La necessità di gestire le nuove dinamiche relazionali e familiari che si sono presentate, dal lavoro alla cura dei figli e della casa, ha portato le donne ad accumulare stati di stress e ansia e ad adattarsi a una nuova quotidianità, dove mitigare sentimenti come tristezza, depressione e paura rischia di passare pericolosamente in secondo piano. Inoltre lo smart-working e, in alcuni casi, la perdita del lavoro (dalle statistiche Istat nell’ultimo anno 99mila donne hanno perso il lavoro), hanno contribuito ad aumentare il tempo che le donne passano in casa”.
Dunque: “se già in passato gestire tutti i differenti aspetti della vita costituiva una delle problematiche principali della donna, – conclude l’esperta – ora è diventato ancor più complicato”.

(foto: dal film “Elle”, Isabelle Huppert)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.