4 cose da fare prima di trasferirsi all’estero

ultimo aggiornamento: 13/10/2020 ore 15:44

41

debito equitalia annullato avv matteo sances

Trasferirsi all’estero è il sogno di molti, ma per diverse persone si tratta di una vera e propria necessità. Sono infatti parecchi coloro che scelgono di andare a vivere al di fuori dei confini nazionali per trovare lavoro ed avere maggiori opportunità professionali. Prima di compiere questo importante passo tuttavia è importante preoccuparsi di alcuni dettagli, che se trascurati potrebbero creare non pochi problemi.

Vediamo dunque le 4 cose da fare prima di trasferirsi all’estero, in modo da non avere brutte sorprese e iniziare subito una nuova vita al di fuori dell’Italia.


#1 Imparare la lingua straniera

Non si può pensare di trasferirsi in un altro Paese senza conoscerne la lingua o almeno le basi. Per comunicare è infatti indispensabile e bisogna sempre ricordare che purtroppo l’italiano è poco conosciuto all’estero dunque non viene compreso il più delle volte. Prima di partire dunque sarebbe sempre meglio seguire un corso specifico o almeno trovare il modo di imparare la lingua. È vero che in molti partono senza porsi alcun problema da questo punto di vista, ma le probabilità di trovare lavoro se si conosce la lingua del Paese in cui ci si trasferisce aumentano in modo significativo.

#2 Far tradurre tutti documenti importanti


Un aspetto che in molti trascurano e che invece è importantissimo riguarda la traduzione giurata dei documenti ufficiali come carta d’identità, patente di guida, certificato di diploma e/odi laurea e via dicendo. Quando ci si trasferisce in un altro Paese, questi documenti devono essere trascritti da professionisti in grado di effettuare una traduzione giurata, che conferisce a questi valore legale anche all’estero. Questa agenzia di traduzioni con sede a Milano offre tale servizio anche online, dunque non è un problema far tradurre i propri documenti per l’estero, ma bisogna assolutamente preoccuparsi di farlo perché altrimenti si rischia che non siano riconosciuti.

#3 Ricordare documenti medici e prescrizioni

Prima di trasferirsi all’estero conviene sempre far tradurre anche i certificati medici e le eventuali prescrizioni di farmaci, in modo da non avere problemi da questo punto di vista. In ambito sanitario le regole cambiano di Paese in Paese ed è dunque impossibile generalizzare, ma una cosa è certa. Se non si vogliono incontrare difficoltà o impedimenti è sempre meglio partire con tutte le proprie carte ed i certificati, naturalmente anche questi tradotti nella nuova lingua.

#4 Organizzare la spedizione di scatoloni e pacchi

Infine, bisogna ricordare che quando si parte per l’estero con l’intenzione di trasferirsi definitivamente o per lunghi periodi di tempo conviene sempre organizzarsi con un corriere o un servizio di spedizioni apposito. È infatti impensabile portare tutte le proprie cose con sé in aereo, dunque ci si deve organizzare al meglio per ricevere tutto entro i tempi stabiliti. Fortunatamente sono diversi i servizi di traslochi o semplicemente spedizione che offrono la possibilità di far arrivare scatoloni e quant’altro anche all’estero. Vale però la pena informarsi bene, chiedere vari preventivi e confrontarli, in modo da trovare quello più conveniente. Purtroppo infatti molte ditte se ne approfittano, proponendo prezzi altissimi.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here