Dandelion, il primo libro della trilogia fantasy della 15enne Francesca Trinchini

copertina dandelion trinchini aracne editrice

Battaglie, incantesimi, missioni apparentemente impossibili e colpi di scena, questo il panorama fantastico descritto minuziosamente dall’autrice abruzzese Francesca Trinchini, classe 1999, nel romanzo d’esordio Dandelion – Il Lato oscuro di Veronica Hebanell, edito da Aracne Editrice (pagg 620, 23€) e il primo di una trilogia.

L’eroina protagonista è proprio Veronica, una ragazzina adolescente, presumibilmente americana, che in quattro e quattr’otto viene catapultata in un mondo opposto a quello terrestre, un universo magico abitato da creature diverse e variegate, ma non poi così tanto, da lei.

Dandelion infatti, il mondo di luce che viene minacciato dall’incombere del buio e del male, rappresentato dai Lati oscuri, potrà essere salvato solo da Veronica Hebanell, l’ultima marchiata, figlia della celebre, eroica ma controversa Sybilla. L’accompagnano nel suo viaggio Guardiani, Sacerdotesse, le gemelle Mora e Menta, il loro fratello Muschio e l’amico-nemico Lyman Aaroner, destinato come Veronica a portare sulle spalle una pesante eredità familiare.

La storia, che prende vita sin dall’inizio con l’arrivo a scuola della professoressa dall’iride scarlatta, inoltra repentinamente la protagonista e il lettore, in un mondo popolato da creature magiche, ricco di segreti e perfetto campo di battaglia per l’eterna lotta fra Bene e Male.

Ed è proprio in questo contesto che la giovane eroina impara a crescere, diventa coraggiosa ed eredita le abilità della madre. Magia, avventura, amore ed amicizia, queste le componenti dell’avvincente opera prima, ottimo esempio atipico di romanzo di formazione.

Nonostante quindi una scrittura a tratti acerba, ma che con l’esperienza e l’impegno potrà dare i suoi frutti, Dandelion, che può vantare un’ottima fluidità ed un buon uso del lessico, riesce ad incantare e coinvolgere, in particolar modo il pubblico adolescente al quale è rivolto.

Francesca Trinchini potrebbe essere infatti definita la nuova erede della più nota scrittrice fantasy italiana, Licia Troisi. I suoi personaggi sono infatti in grado di far emozionare e divertire allo stesso tempo il lettore, dandogli la possibilità di essere uno dei compagni di viaggio della protagonista ed entrare in empatia con quel mondo fatato.

Alice Bianco

Riproduzione riservata

Facebooktwittergoogle_plus

Cosa pensi della notizia che hai appena letto? Scrivi qui il tuo parere (non è richiesta nessuna registrazione) la tua opinione è importante, falla sapere anche agli altri...

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile