10 C
Venezia
sabato 23 Gennaio 2021

Il macellaio che sparò al ladro ha perso anche in appello: condanna a 5 anni e risarcimento al ladro

Home Tribunali e sentenze Il macellaio che sparò al ladro ha perso anche in appello: condanna a 5 anni e risarcimento al ladro
sponsor

Il macellaio che sparò al ladro ha perso anche in appello: condanna a 5 anni e risarcimento al ladro

sponsor

Walter Onichini, il macellaio trentottenne di Legnaro (Padova), che aveva sparato al ladro per “difendersi” da una rapina, non è stato creduto.
Onichini, accusato di tentato omicidio, ha dovuto ascoltare con gli occhi sgranati le parole del verdetto della Corte d’Appello di Venezia.

commercial

La rapina e l’eccesso di “legittima difesa”.
La Corte d’Appello di Venezia ha confermato la condanna a quattro anni e undici mesi di reclusione a carico dell’uomo che aveva sparato a Elson Ndreca, 29 anni, di nazionalità albanese che, nella notte tra il 21 e il 22 luglio 2013, fu sorpreso nel cortile mentre stava cercando di rubargli la macchina per scappare, dopo aver già preso portafogli, soldi e tutto quello che aveva potuto dall’interno dell’abitazione.

Ladro ferito da risarcire.
Onichini dovrà anche risarcire i danni provocati al giovane ladro. La cifra dovrà essere quantificata in sede civile. Nel frattempo è stata confermata la provvisionale di 24.500 euro in favore dell’albanese.


Spese legali da pagare e da risarcire

Il macellaio è stato anche condannato a pagare le spese di giudizio e a risarcire le spese legali a Ndreca, costituitosi parte civile contro di lui.

La vicenda.
Ci sono voluti sei anni per arrivare alla sentenza di secondo grado.
Il caso di Walter Onichini, il macellaio di Legnaro (Padova) che il 22 luglio del 2013 sparò al ladro che insieme a altri complici gli era entrato in casa, intanto è diventata una bandiera di dominio pubblico che separa due posizioni: ‘innocentisti contro colpevolisti’ quando si spara ad un ladro che è entrato in casa.

La nuova legge sulla legittima difesa.
I giudici della Corte d’Appello di Venezia hanno respinto la richiesta di assoluzione che il procuratore generale Giancarlo Buonocore aveva chiesto il 2 aprile scorso, evidentemente non ritenendo retroattiva la nuova legge sulla legittima difesa.
Il macellaio padovano in primo grado venne condannato il 18 dicembre 2017 a una pena di 4 anni e 11 mesi.
La Lega ha fatto di questo caso, come di altri precedenti, la bandiera su cui fare fulcro per ‘allargare’ le maglie della legittima difesa, fino all’approvazione della recente legge.


La Corte d’Appello.

Il 2 aprile scorso, quando in corte d’Appello a Venezia è giunto l’appello per Onichini, la legge non era ancora stata approvata, tuttavia il pg Buonocore ha fatto leva sulle disposizioni legislative vigenti, sostenendo che il tentato omicidio non c’era, al massimo Onichini si poteva incolpare di un eccesso colposo di legittima difesa putativa, indotto a sparare perché riteneva che la sua vita fosse in pericolo, derubricando il reato a lesione colposa, perseguibile su querela da parte del ladro, che però non fu mai presentata. La versione della procura generale però non è stata accolta.

La ricostruzione della rapina.
Quella notte Onichini e la moglie si svegliarono di soprassalto per alcuni rumori sentiti in giardino. L’uomo uscì dal terrazzo della camera da letto, che si affacciava sopra al piccolo piazzale in cui era parcheggiata la sua auto. Quando vide la macchina muoversi prese il fucile e sparò due colpi, uno mentre il ladro usciva dalla macchina, probabilmente per scappare. Una volta in auto, spostò l’albanese sul lato passeggero, aprì il cancello e uscì verso i campi vicini. “Volevo portarlo in ospedale”, era stata la sua versione. Ma in ospedale il macellaio non arrivò mai, abbandonò il ladro a circa un chilometro da casa, in una strada sperduta tra i campi, poi a casa chiamò i carabinieri. L’albanese venne trovato quasi subito: se l’ambulanza non fosse arrivata in tempo sarebbe morto dissanguato. Il macellaio venne subito accusato di tentato omicidio fino alla sentenza di primo grado.

Le reazioni.
Walter Onichini, alla lettura della sentenza, ha mormorato: “A questo punto in Italia è meglio fare i delinquenti”. Il suo legale Ernesto de Toni ha già annunciato l’impugnazione. E i parlamentari veneti della Lega parlano di “sentenza incomprensibile”.
“Walter Onichini condannato a 4 anni e 11 mesi per aver difeso i suoi famigliari e sé stesso da un gruppo di ladri che si introdusse in piena notte in casa sua. Non possiamo che commentare negativamente la conferma della condanna pronunciata dalla Corte d’appello di Venezia che accusa
Onichini di tentato omicidio”, hanno dichiarato in una nota congiunta deputati ed i senatori veneti della Lega. “Una sentenza incomprensibile – prosegue la nota – che minerà ancora di più la fiducia dei cittadini nei confronti della giustizia italiana. Le leggi le scrive il Parlamento e andrebbero semplicemente applicate. Per la Lega il diritto alla difesa, proprio e della propria famiglia, è un diritto imprescindibile. A lui e a tutti i suoi parenti – concludono i parlamentari leghisti – va la nostra vicinanza e totale solidarietà”.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

3 persone hanno commentato

  1. Io vorrei solo fare capire al sig. Giudice, che c’è una persona si introduce in maniera illegale nella sua abitazione, lo deruba, quando va bene, altrimenti picchiano o addirittura hanno fatto morire delle persone, forse sabbe il caso di pensarci prima di punire il propietario e risarcire il ladro, perché così stanno incitando i ladri a non avere nessun problema, tanto pericoloso non è, se ghi va male sono anche risarciti, ma se andassero a casa di un giudice!!!!!!!!!????

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...
commercial

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...
sponsor

Mestre: all’esame di guida manda l’amico, tanto è nigeriano come lui

Mestre: all'esame di guida manda l'amico. Così un terzo si è sostituito al connazionale per sostenere l’esame teorico di guida. Ma è andata male...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...
commercial

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Virus, c’è una nuova “variante”. Bloccati tutti voli dal Brasile

Virus, c'è una nuova "variante" dopo quella definita "variante inglese". Altrettanto maggiormente aggressiva e pericolosa? Le uniche cose certe al momento sono che l'Italia ha...

Nuovo Dpcm voce per voce. Zone gialle, arancione, rosse: cosa si può e non si può fare

Nuovo Dpcm voce per voce. E' aperta la scuola? Posso muovermi da casa? Il nuovo Dpcm, ovvero: cosa è consentito e cosa è vietato nell'Italia divisa...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.