2.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Topo di appartamento visto dai vicini fugge in autobus

HomeSicurezzaTopo di appartamento visto dai vicini fugge in autobus
la notizia dopo la pubblicità

Furto alla Italservices, arrestati tre romeni. Recuperata refurtiva per 220mila euro

Nel pomeriggio di ieri 1° dicembre i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Donà di Piave, hanno tratto in arresto per “tentato furto in abitazione” EL MALKI Hamza di anni 19, nato in Marocco, cittadino italiano, pregiudicato.

In particolare il predetto, in località Portegrandi, scardinando la finestra di un’abitazione con un calcio, si è introdotto furtivamente all’interno mettendo a soqquadro l’intero appartamento e, non trovandovi beni di valore facilmente ricettabili, ne è uscito per poi recarsi in un’abitazione limitrofa nel tentativo probabile di remunerare in modo più positivo la sua giornata “lavorativa”.

Tali movimenti non sono passati inosservati ad alcuni vicini che, prontamente hanno allertato questa Centrale Operativa e si sono messi a seguirlo. Il giovane, vistosi scoperto, si è dato alla fuga scappando a piedi e sino a raggiungere la fermata dell’autobus in località Trepalade, ove è salito repentinamente a bordo di un autobus di linea in partenza verso San Donà di Piave.

I militari prontamente intervenuti sul luogo del crimine, dopo aver raccolto la descrizione del fuggiasco, hanno attivato l’altra pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile che, subito dopo, è riuscita a bloccarlo presso l’autostazione dell’A.T.V.O. di questo centro ed a condurre il giovane presso il Comando dell’Arma di via Carbonera per espletare le formalità di rito.

Per tale motivo EL MALKI Hamza è stato tratto in arresto e, su disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia, è stato trattenuto presso queste camere di sicurezza in attesa dello svolgimento del processo di convalida svoltosi per direttissima nella mattinata odierna, a seguito del quale l’Autorità Giudiziaria lagunare ne ha disposto la condanna ad anni 1 e la misura cautelare del divieto di dimora nella Regione del Veneto.

EL MALKI Hamza, già noto all’Arma sandonatese, in data 17 novembre u.s., in concorso con un minorenne di origini tunisine si era reso responsabile di altrettanti furti in abitazione in località Croce di Musile di Piave. In quell’episodio il minorenne era stato tratto in arresto nella flagranza del reato di furto mentre per l’EL MALKI, individuato solo successivamente e quindi temporalmente fuori della flagranza, era scattata la sola denuncia in stato di libertà per il medesimo episodio.

Continua in modo diuturno l’operato dell’Arma di San Donà di Piave al fine di arginare e reprimere i reati predatori in danno di abitazioni, attività che non può prescindere dalla collaborazione dei cittadini.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...