sabato 22 Gennaio 2022
0.4 C
Venezia

Supermercato nell’ex Cinema Italia, Despar raddoppia

HomeVenezia cambiaSupermercato nell'ex Cinema Italia, Despar raddoppia

Supermercato nell'ex Cinema Italia, Despar raddoppia

Esprime soddisfazione per gli effetti positivi che sembra aver riscontrato la nascita del nuovo Supermercato Despar, situato all’interno dell’ex cinema Italia, a Cannaregio, Paul Klotz, amministratore delegato della Società Aspiag Service srl, che cura il marchio e le destinazioni Despar.

Soddisfazione che si aggiunge a quella che ha visto inaugurare il precedente, solo pochi mesi fa, a Rialto a Palazzo Bembo. Se è pur vero che l’ex cinema Italia era chiuso da oltre vent’anni, rimane aperta una domanda sulle destinazioni d’uso e sul criterio che guida le scelte della città.

Si sa che gli spazi sono stati restaurati, anche dal punto di vista del recupero delle decorazioni liberty e molte perplessità hanno accompagnato la nascita del supermercato, anche da parte di Piero Coin, con una società proprietario dell’edificio e del Ministero ai Beni Culturali, oltre che della Soprintendenza.

Se è stato giusto e utile recuperare gli affreschi, a molti osservatori non piace l’idea che quel posto diventi un punto vendita, anche in ragione delle direttive del Ministro alla Cultura Dario Franceschini, che ha raccomandato la salvaguardia delle sale cinematografiche nelle città storiche.

Ora sembra evidente che il pensiero del ministro non sia stato preso in considerazione, in nome di una presunta modernità che mette insieme arte, cibo e detersivi, in una visione per molti aspetti seduttiva (portare l’arte ovunque) e per altri inquietante, se pensiamo a Venezia nel suo insieme e nell’espressione dei suoi bisogni.

Vale il riconoscimento dovuto a chi ha riportato in vita, nell’ex cinema, resti di abitazioni antiche, affreschi e pozzi, che nessuno avrebbe potuto vedere e apprezzare, pur tuttavia la questione si allarga ad altri ambiti, per esempio a quello turistico, che anche in questa circostanza è prevalso sulle esigenze culturali della città, che oltre all’artigianato, sta perdendo anche le librerie, come è successo qualche giorno fa alla Libreria francese a San Giovanni e Paolo.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

No Vax passano alle minacce: lettera con proiettile a dottoressa di Padova

No Vax passano alle minacce: l'immunologa Viola a Padova finisce sotto scorta a causa di una lettera con proiettile. C'è grande riserbo dagli inquirenti ma si è saputo che la lettera di minacce No vax conteneva un proiettile ed è stata...

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Da lunedì niente mezzi senza Super green pass: la rabbia dei residenti delle isole

Cattive nuove per gli abitanti nelle isole della laguna sprovvisti di Super green pass: da lunedì non potranno salire sui mezzi di trasporto. Vivere in un’isola e non poter salire sui mezzi di trasporto per recarsi al lavoro, andare a scuola, o...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.