19 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Ragazzina di 15 anni scavalca la ringhiera e si getta dal IV piano: terrore a Mestre

HomeZelarinoRagazzina di 15 anni scavalca la ringhiera e si getta dal IV piano: terrore a Mestre

Mentre le persone di sotto cercavano di convincere la ragazza che piangeva disperatamente, appena sono arrivati i vigili del fuoco con il materasso per attutire le cadute la ragazzina si è lanciata nel vuoto.

Attimi di paura ieri pomeriggio a Mestre: una ragazzina ha scavalcato il parapetto che divide la terrazzina del suo appartamento al quarto piano dal vuoto sottostante, e si è lanciata.
Tutto è accaduto in pochi minuti.
Martedì pomeriggio. L’orario è attorno alle 16. La zona è quella di Zelarino.
Improvvisamente dai piani alti di un condominio si sentono delle grida.
Sono quelle di una ragazzina di 15 anni che sta vivendo una vera e propria crisi urlando e minacciando di volersi buttare di sotto.

In pochi attimi si raduna di sotto un gruppetto di passanti preoccupati. La scena che si sta svolgendo al IV piano di altezza è sconvolgente. Il tutto sotto gli occhi del padre che assisteva alla scena pregando la minore di rientrare.
Immediatamente sono partite anche le richieste di soccorso a vigili del fuoco, polizia e Suem.
E inizia così, per importanti secondi, una sorta di trattativa tra le persone presenti e l’adolescente nel tentativo di fare opera di convincimento per scongiurare la disgrazia.
La quindicenne era però nel pieno di una vera crisi e i suoi messaggi urlati erano tesi ad avvertire che voleva farla finita, intervallando con pianti e singhiozzi avvertimenti per cui nessuno doveva avvicinarsi e mettersi in mezzo.
Ognuno dei presenti ha cercato di fare quanto possibile per tentare di convincere la ragazzina invitandola alla calma, confermandole che qualsiasi problema era risolvibile, e via dicendo.
E questa sorta di dialogo frammentato ha avuto almeno il merito di ritardare il salto nel vuoto della 15enne per alcuni secondi che si sono rivelati fondamentali.

I pompieri infatti, intanto, arrivati in pochissimo tempo, avevano intanto cominciato a stendere il materasso per attutire l’eventuale caduta e a far partire i compressori per gonfiarlo.
Purtroppo il punto dell’impatto era visibile dalla prospettiva della ragazzina.
Infatti appena la minore si è accorta del dispositivo approntato sotto di lei senza dire più nulla è saltata.
Un volo fatale dal quarto piano durato un paio di secondi davanti alle persone atterrite.

Fortunatamente il materassone gonfiabile dei vigili del fuoco, ancorché ancora solo parzialmente pieno d’aria, è riuscito comunque nel suo scopo di attutire parzialmente l’impatto.
Il padre, unico genitore presente in casa con la mamma al lavoro, è corso di sotto e tutti i soccorritori si sono precipitati attorno al corpo della giovane che, fortunatamente, si muoveva ancora.
Il dispositivo dei pompieri, anche se solo parzialmente gonfiato, aveva svolto il suo compito a sufficienza.
La ragazza è stata così coperta e portata all’ospedale dove è stata sottoposta a tutti i controlli ma senza il pericolo del dramma.

sponsor

 

Si è trattato, alla fine, di un miracolo dato che, verosimilmente, lascerà più strascichi psicologici che fisici dovuti a qualche frattura.
Un dramma comunque da esplorare e da affrontare, già a partire dall’attuale ricovero all’Ospedale dell’Angelo, nel tentativo di risolverne le premesse che sono l’altro aspetto che spaventa oltre al fatto in sé:
quali possono essere le motivazioni che spingono una ragazzina ad un gesto così estremo a soli 15 anni?

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. sono una nonna di 80 anni atterrita da quello che è successo, purtroppo ho constatato in questi anni che i ragazzi sono molto fragili e i genitori devono sforzarsi di stare a loro vicino in ogni situazione, anche se costa tanta fatica, bisogna avere tantissima pazienza e non mollare mai, un grande abbraccio a questa ragazzina sperando che i suoi disagi vengano sconfitti

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.