venerdì 21 Gennaio 2022
-0.4 C
Venezia

Morte di Pino Daniele diventa un “giallo”. De Piscopo: “Vogliamo sapere”

HomeCronacaMorte di Pino Daniele diventa un "giallo". De Piscopo: "Vogliamo sapere"

pino daniele morto accuse tra amanda fabiola

La morte di Pino Daniele diventa un “giallo”. Il momento del dolore, del rispettoso silenzio viene contaminato da storie parallele con sullo sfondo una teoria minacciosa: l’ipotesi di omicidio colposo.

La Procura di Roma ha disposto l’autopsia sul corpo del cantautore. Si tratta di un ‘atto dovuto’ all’interno del fascicolo intitolato all’indagine sulla sua morte. L’ipotesi di reato è terribile: ‘omicidio colposo’, finora rivolta contro ignoti.

L’autopsia sarà effettuata oggi alle 12 nell’obitorio comunale «Federico II». Si tratta di un accertamento necessario per capire se davvero il cantautore si potesse salvare.

Il dubbio sarebbe sorto per sospetti lanciati tra le sue due famiglie. Sugli scudi, da una parte la seconda moglie Fabiola, dall’altra l’ultima compagna, Amanda.

«Amanda — dichiara Fabiola, madre di tre dei cinque figli di Daniele — era l’unica in macchina con Pino nell’ultimo viaggio, dica tutto quello che sa. Voglio la verità sulla morte di mio marito per i miei figli e per gli altri suoi figli. Tra noi non ci parliamo ma io andrò fino in fondo. Quella sera in casa c’erano anche i miei figli Sofia e Francesco e Cristina, l’altra figlia femmina di Pino. È stata lei a riaccompagnare a Roma i miei bambini, mentre la “signora” portava in ospedale Pino».

Le domande rimaste sospese sono le stesse che un po’ tutta la gente comune si è posta: perché mettersi in viaggio verso il Sant’Eugenio, a Roma, anche se poco prima era stato chiamato il 118? Chi lo ha deciso? E perché non nella più vicina Grosseto? Pino Daniele è arrivato in ospedale quando era già morto.

Domade che si pongono anche gli amici, come Tullio De Piscopo: «Questa cosa tormenta tutti noi, vogliamo sapere se si poteva evitare». Mentre l’altro fratello Nello è sicuro: «Per come lo conosco sono sicuro che volesse arrivare dal suo medico».

Il “giallo” della morte di Pino Daniele si può così riassumere: La sera del 4 gennaio Amanda chiama il 118 alle 21,12 per un malore del cantante cominciato ore prima mentre la famiglia si preparava a una serata in pizzeria. I medici dell’ambulanza, arrivati dopo circa 15 minuti da Orbetello a Magliano ricontattano i familiari per indicazioni stradali precise ma viene loro spiegato che l’intervento non è più necessario. Daniele viene portato con mezzi propri a Roma, dove arriva in poco più di un’ora. Le voci iniziali di una foratura lungo il percorso vengono smentite.
Achille Gaspardone, il primario del Sant’Eugenio, che da anni aveva in cura il cantante, conferma: «Avevo consigliato di aspettare l’ambulanza. Poi Pino si è sentito meglio e ha preferito venire da me come già accaduto in casi simili».

Mario Nascimbeni

[08/01/2015]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...