COMMENTA QUESTO FATTO
 

Operato al polmone sbagliato

Operano il polmone sano al posto di quello malato, facendo morire di asfissia il paziente, una decina di minuti dopo l’inizio dell’intervento. I medici avrebbero letto male la lastra della Tac, che sarebbe stata inserita al contrario nell’apposito macchinario.

È successo il 28 giugno scorso all’ospedale «San Bassiano» di Bassano del Grappa (Vi) e dopo circa otto mesi, il dottor Antonello Cirnelli di Portogruaro, consulente del pubblico ministero di Vicenza Silvia Golin, avrebbe così scoperto com’è morto Gioachino Lessio, un 67enne di Solagna (Vi) .

L’errore umano l’aveva ipotizzato anche Ferdinando Antonio Compostella, direttore generale dell’Usl 3 di Bassano, ma ora dopo aver studiato le cartelle cliniche e avendo analizzato l’autopsia, non sembrerebbero esserci più dubbi.

La Procura di Vicenza, su segnalazione proprio di Compostella, aveva già aperto un’inchiesta accusando i tre medici che avevano praticato la toracentesi (drenaggio per l’eventuale presenza di liquidi nel polmone) di omicidio colposo. Cinzia Pamela Zanon, 41 anni, in servizio nel reparto di Pneumologia e i chirurghi Sandro Carnio, 49, e Vittorio Gobbi, 60, i dottori che ora rischiano di finire a processo.

Durante l’operazione l’uomo sarebbe stato operato al polmone sano, compromettendogli quindi la capacità di ossigenazione, per quei pochi minuti che gli sono costati la vita.

Redazione

27/02/2015

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here