24.9 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Omicidio Biagi: Scajola revocò la scorta nonostante fosse avvisato del pericolo

HomeCronacaOmicidio Biagi: Scajola revocò la scorta nonostante fosse avvisato del pericolo

Omicidio Biagi: Scajola revocò la scorta

Si riapre, con modalità che potrebbero riservare sorprese, l’inchiesta sulla revoca della scorta a Marco Biagi, ucciso dalle Br in via Valdonica 14, sotto casa, il 19 marzo 2002.
Interrogativi pendono sul ruolo dell’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola e dei vertici delle istituzioni dell’epoca che avevano il compito di proteggere un servitore dello Stato.

Tutto nasce da documenti trovati dalla Finanza nell’archivio affidato da Scajola al suo ex segretario Luciano Zocchi. Nel particolare, la Procura bolognese riapre l’indagine per il ritrovamento di due lettere inviate a Scajola nelle quali si informava l’allora ministro dell’Interno dei pericoli che correva il giuslavorista («Biagi rischia»).

Sulle lettere, che precedono di quattro giorni l’omicidio di Biagi, comparirebbe il «visto» di Scajola, che ha invece sempre sostenuto di non essere al corrente all’epoca dei rischi ai quali era esposto il professore.
Il resto è storia: quattro giorni dopo la revoca della scorta a Marco Biagi le BR lo uccidono in un agguato.

L’ipotesi di reato, formulata per il momento contro ignoti, parla di omicidio per omissione («Non impedire un evento, che si ha l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo»).

Già poche ore dopo l’assassinio da parte di un commando delle Br (4 dei 5 killer sono stati condannati all’ergastolo in via definitiva nel 2007, l’altro a 21 anni), una delle domande irrisolte era perché fosse stata revocata la scorta a quell’uomo dalla forte esposizione pubblica, consulente dell’allora ministro Roberto Maroni, nonché ispiratore di quel Libro Bianco sulla riforma del mercato del lavoro che da tempo lo rendeva oggetto di attenzioni tutt’altro che benevole.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.