sabato 22 Gennaio 2022
1.9 C
Venezia

Il Museo della Terza Armata di Padova compie 60 anni

HomeUncategorizedIl Museo della Terza Armata di Padova compie 60 anni

Il Museo della Terza Armata di Padova compie 60 anni

Il Museo della III Armata spegnerà martedì sessanta candeline. Sito a Padova in via Altinate e ospitato all’interno dello storico Palazzo Camerini, costruzione della fine del XIV secolo, fu inaugurato, infatti, il 30 agosto del 1956 dal Generale Alberto Aliberti.

Nata come casa Bon Romeo (poi Borromeo), nel 1512 divenne la dimora di Bernardo Fortebraccio, condottiero della Serenissima, quindi, dal 1522, del Cardinale veneziano Pietro Bembo, umanista e mecenate che la acquistò per 1500 fiorini, facendola divenire centro di cultura e ritrovo dei migliori ingegni padovani.

Altro ospite illustre di queste mura fu Benvenuto Cellini; nel 1847 ne divenne proprietario il Duca Silvestro Camerini, con il cui nome il palazzo è oggi conosciuto. Fu lui ad abitarlo fino alla morte avvenuta il 4 dicembre 1866.

La famiglia Camerini, originaria di Argenta nel ferrarese, che aveva raggiunto grande ricchezza con il commercio di materiale per l’edilizia, nel 1930 decise (quasi certamente per motivi fiscali) di donare la costruzione al Comune di Padova, con il vincolo che questa sarebbe dovuta essere, da allora in poi, soltanto sede di alti comandi militari.

Durante il Primo conflitto mondiale, più precisamente nel 1915, l’allora amministrazione comunale padovana fece costruire sotto Palazzo Camerini uno dei cinquanta rifugi antiaerei, mentre durante la 2^ Guerra Mondiale, il Palazzo ospitò un importante comando militare tedesco e fu questo, probabilmente, il motivo del bombardamento di via Altinate che, l’11 marzo 1944, danneggiò gravemente la chiesa degli Eremitani e gli affreschi del Mantegna qui contenuti.

Dal 1952 al 1972 l’infrastruttura è stata la sede del Comando designato della 3^ Armata (omonimo del Comando della gloriosa III Armata della Prima Guerra Mondiale) e primo baluardo di un’eventuale aggressione da parte dei paesi del blocco sovietico (erano i tempi della cosiddetta “guerra fredda”). Dal 1972, le sale del palazzo hanno ospitato il Comando della Brigata Artiglieria Controaerei dell’Esercito italiano, grande unità militare ridislocata nel 2009 a Sabaudia (LT).

Il Museo è composto da due salette e dal salone monumentale (probabilmente il salone delle feste di casa Bembo) in cui si può ammirare il soffitto a cassettoni a carena rovesciata, con al centro lo stemma gentilizio della famiglia Gradenigo. Il pavimento, in quercia, rovere e palissandro può datarsi alla fine del 1700. Completa lo spazio espositivo, il Salone delle Lance, con un plastico del 1956 che illustra la zona di combattimento della III Armata durante la “Grande Guerra”.
L’area museale offre una ricca documentazione fotografica, reperti e cimeli della I Guerra mondiale riferiti, in particolare, alla Terza Armata che operò tra il Carso e il basso Piave. I visitatori possono visionare documentari cinematografici d’epoca di carattere storico-militare, che ripercorrono il periodo del Primo conflitto bellico.

Nel corso degli ultimi anni il Museo, che dipende dal Comando Forze di Difesa Interregionale Nord retto dal Generale Bruno Stano, oltre ad ospitare numerosi eventi di assoluto rilievo storico-divulgativo, è divenuto una costante meta turistica sia per i giovani provenienti dalle scuole del Triveneto, che per i tanti turisti in visita nella città di Padova.

23/08/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...