20 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Mirano, festino a base di alcol e eroina: salvato in extremis 57enne

HomeMiranoMirano, festino a base di alcol e eroina: salvato in extremis 57enne

Mirano, festino a base di alcol e eroina: salvato in extremis 57enne

I Carabinieri della Stazione di Mirano, assieme al Nucleo Operativo e Radiomobile e alla sezione rilievi del Nucleo Investigativo di Venezia, hanno deferito nella mattinata di ieri un uomo di Mirano per lesioni personali gravi e omissione di soccorso e il suo complice per omissione di soccorso.

I fatti nel cuore della notte tra sabato e domenica. Una telefonata di emergenza giunta alla sala operativa del 118 fa trovare dal personale dell’ambulanza un uomo italiano, incensurato, classe 63, privo di sensi, adagiato sul sedile posteriore della sua auto parcheggiata nei pressi della sua abitazione a Mirano.

L’uomo viene immediatamente trasportato in pronto soccorso al locale ospedale in condizioni critiche e ancora privo di sensi. I Carabinieri si attivano immediatamente per cercare di capire chi lo ha ridotto in quelle condizioni. Viene rintracciata la donna che ha effettuato la telefonata di emergenza e viene ricostruito l’accaduto.

Si è trattato di un vero e proprio festino a base di alcol ed eroina di coppia che il malcapitato, nella serata di sabato, aveva organizzato con un suo amico, lo stesso che resosi conto di un suo improvviso malore, causato proprio dalla dose di eroina, lo aveva prima preso a schiaffi e poi colpito violentemente su varie parti del corpo nel tentativo di rianimarlo.

Dopodiché preso dal panico ha contattato due amici, uno che lo ha aiutato a caricarlo in auto, lasciandolo privo di sensi a bordo della sua auto nei pressi dell’abitazione. La donna, dal canto suo, resasi conto della gravità delle condizioni dell’uomo, per fortuna ha allertato il 118 per poi allontanarsi.

Durante la perquisizione domiciliare sono state ritrovate le siringhe utilizzate con i residui di eroina. L’uomo, trasportato in pronto soccorso e ricoverato d’urgenza in codice rosso, ha ripreso i sensi solo dopo diverse ore e non è in pericolo di vita.

I due complici sono stati deferiti in stato di libertà all’autorità giudiziaria di Venezia, mentre i due “amici del festino” sono stati segnalati alla Prefettura quali consumatori di droga.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.