2.8 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Luisa non ce l’ha fatta, il suo camice si era incastrato in un macchinario

HomeIncidente sul lavoroLuisa non ce l'ha fatta, il suo camice si era incastrato in un macchinario
la notizia dopo la pubblicità
continua a leggere dopo la pubblicità

Quando si muore cosi, mentre si lavora.
Non chiamiamole morti bianche.
La vita è ceduta e così è morta, l’operaia padovana di 62 anni che lunedì scorso è stata vittima di un grave incidente sul lavoro a San Giorgio in Bosco.
Si chiamava Luisa e abitava a Villa del Conte. Una macchina l’ha tradita incastrandole il camice in un macchinario avvolgi-cavo, che l’ha soffocata.
La tragedia, è accaduta alla ditta che produce persiane avvolgibili.
Un collega, accortosi dell’incidente aveva tentato di rianimare Luisa, ultima vittima del lavoro che è andata a nutrire il folto numero di morti simili.
Il compagno di lavoro ha fatto il possibile, le ha praticato un massaggio cardiaco, ha fatto del suo meglio finché Luisa è stata soccorsa anche da un carabiniere che si è precipitato sul posto.
Purtroppo gli aiuti non hanno avuto esito alcuno. Con l’elicottero del Suem è stata ricoverata in ospedale: ore e giorni di agonia. E poi la morte è sopraggiunta a liberarla dalle sue sofferenze.

Il titolare della ditta ora è indagato per omicidio colposo. 
Luisa aggiunge di una unità i 772 decessi denunciati dall’Inail dal primo gennaio di quest’anno.
Un dato davvero allarmante che narra la storia di una mancata prevenzione e delle misure di sicurezza che dovrebbero obbligatoriamente consentire a un lavoratore o una lavoratrice di poter lavorare senza rischiare di morire.

Il presidente Mario Draghi ha annunciato pene più severe e immediate e collaborazione all’interno dell’azienda per individuare precocemente le debolezze in tema di sicurezza lavoro.
La strage in ogni caso è quotidiana e non accennano a diminuire i segnali di allarme.

Grandi titoli, sempre accompagnati alla definizione Morti bianche, riportano gli incidenti, le morti sul lavoro.
“I caduti del lavoro sono le persone decedute a causa di incidenti successi durante e per causa del lavoro svolto […]”. Il fenomeno è anche indicato come morti bianche, dove «l’uso dell’aggettivo ‘bianco’ allude all’assenza di una mano direttamente responsabile dell’incidente”, ci dice il vocabolario. L’enunciato sembra dire che non esiste un responsabile, un colpevole della morte sul lavoro, che spesso è di colore nero, mentre s’insiste sul bianco.

Qualche dato può orientarci nella scelta del colore che meglio si abbina a chi ne esce morto.
Alcuni esempi:
Il 6 maggio nella bergamasca un operaio 46enne è morto schiacciato da una lastra in cemento armato.
Il giorno prima, il 5 maggio un operaio meccanico di 49 anni si è ferito lavorando a un tornio in un’azienda di Busto Arsizio, in provincia di Varese.
È morto poche ore dopo.
È rimasto schiacciato tra gli ingranaggi, proprio mentre l’aula del Senato osservava un minuto di silenzio per ricordare Luana D’Orazio, l’operaia tessile di 22 anni che sei giorni fa è rimasta schiacciata in un macchinario nell’azienda di Prato dove lavorava, lasciando la sua famiglia e il suo bambino di 5 anni.
La lista potrebbe proseguire, per ora ci fermiamo sulla storia di Luisa.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".