lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Lo sci in montagna riparte? Si, ma non piace il ‘numero chiuso’

HomeSciLo sci in montagna riparte? Si, ma non piace il 'numero chiuso'

Lo sci in montagna riparte finalmente dopo quasi una stagione intera invernale senza gli impianti sciistici.
La ripartenza dello sci, però, è soggetta a regolamentazioni, come quella del numero chiuso, che non piace agli operatori.
Per i gestori una capienza al 50% con la prenotazione è antieconomico.
Il mondo dello sci spera ancora di riaprire, ma è scettico sullo spiraglio contenuto nell’ipotesi avanzata dal Comitato tecnico scientifico della presidenza del Consiglio dei ministri.
La prospettiva di una montagna a ‘numero chiuso’, con la capienza degli impianti di risalita ridotta al 50%, numeri contingentati di sciatori e obbligo di prenotazione, non piace ai gestori.
Gli operatori già temono sia ormai troppo tardi per salvare la stagione, se poi gli viene proposto “anche questo…”.
“Chi prepara questi protocolli dovrebbe conoscere il nostro mestiere, e quali sono i costi per preparare le piste, mettere le reti,

impegnare il personale”, osserva Nicola Bosticco, ad di Colomon spa, cento chilometri di piste a Bardonecchia, in alta Val Susa.
“Per riaprire – sostiene Bosticco – dobbiamo, solo per fare un esempio, montare 30 chilometri di reti di protezione. E chi ci assicura che poi qualche giorno dopo non ci fanno chiudere di nuovo? E chi ci ripaga di quei costi? D’altronde siamo al quarto rinvio e quanto successo in Francia, dove hanno dato l’ok alla riapertura per poi richiudere tutto, non è di buono auspicio”.
Secondo Bosticco, alcune indicazioni del Cts non avrebbero ragione d’essere.
“Capisco limitare la capienza delle telecabine – dice -, ma limitare l’accesso sugli skilift, con gli sciatori

a 12 metri uno dall’altro proprio no. E perché contingentare gli sciatori in assoluto? Certi numeri, con la vastità degli spazi della montagna, potrebbero essere salvaguardati in sicurezza. A Bardonecchia, nei weekend si arriva a punte di 12.000 sciatori al giorno. Dimezzare quei numeri, dopo il mancato guadagno di questi mesi, significherebbe lavorare in perdita”.
Lo stesso scetticismo arriva dall’Unione dei Comuni Olimpici della Via Lattea.
Il presidente Maurizio Beria d’Argentina, sindaco di Sauze di Cesana, definisce “antieconomiche” le ipotesi sin qui circolate.
“Speriamo cambino idea – dice Beria – e che le regioni possano avanzare controproposte che vengano incontro al mondo della montagna. Ci incontreremo a giorni con i gestori degli impianti

per valutare il da farsi, ma così non va. Il settore dello sci ha perso già tantissimo e riaprire con queste limitazioni non ha senso. E poi senza la certezza che si possa passare da una regione all’altra. Abbiamo già perso i turisti stranieri, se ora si limita anche il turismo nazionale come si fa? Quello dello sci è un sistema: se non aprono bar, ristoranti, rifugi come è possibile? Non molti sciatori sono pronti a portarsi il panino a 2.500 metri, magari a 10 gradi sotto zero, senza poter prendere una tazza calda al bar. Lo sci è un sistema, o lo si analizza come tale, o non si va da nessuna parte”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

“L’attuale modello economico è basato sull’assembramento: la IV ondata ve la siete cercata”. Lettere

"Nessuno ha mai controllato il rispetto delle regole negli alberghi di Venezia"

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...