6 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Il sapore della vendetta, Abercrombie questa volta non affila la spada

HomeLibri, recensioni e nuove usciteIl sapore della vendetta, Abercrombie questa volta non affila la spada
la notizia dopo la pubblicità

Basta guardare il titolo originale del libro di Joe Abercrombie “Best Served Cold’ unito al titolo italiano “Il sapore della Vendetta” (traduzione Edoardo Rialti), edito da Gargoyle, per capire fin da subito di che cosa tratta il romanzo di quello che può essere considerato il nuovo George R.R. Martin.

La vendetta che va servita piano, fredda, attraverso le quasi 800 pagine di romanzo è quella di Monzcarro Murcatto, detta Monza, mercenaria dai capelli color della notte e spietata. Al culmine della sua carriera la donna, assieme al fratello Benna, inizia ad essere percepita come una minaccia dal duca Orso, per il quale lavorano. Monza riesce a sopravvivere alla congiura che però vede Benna perire sotto i colpi dei 6 congiurati.

La donna, non potrà fare altro che mettere insieme un gruppo di persone, lontanissime dall’idea degli eroi, per uccidere, uno a uno, le persone che hanno tentanto di toglierle la vita e hanno assassinato il suo amato fratello.

Per 800 pagine così poche righe di trama sembrano impossibili, invece è così. Purtroppo, infatti, ‘Il sapore della vendetta’ ha il suo primo anello debole in una struttura narrativa che sa di già letto, visto e rivisto. Questo anche perché Abercrombie ci aveva sempre abituato ad essere uno scrittore che ribalta i cliché, invece qui si appoggia alle classiche struttura di qualsiasi romanzo di vendetta, compresi tutti i tradimenti che si susseguono nella vicenda.

Non ci sono i tanto agognati momenti in cui si dovrebbe sobbalzare, strabuzzare gli occhi, qui è tutto come ci si aspetta: torto – vendetta – fine.

Quando una trama finisce per essere così lineare, soprattutto in un romanzo di ambientazione storica (anche se fantasy), si rischia, come in questo caso, di affaticare il lettore in un romanzo noioso dove, dopo le prime uccisioni, se ne ha già abbastanza. Ma si continua, si continua perché si spera in un plot twist che non avviene mai.

Joe Abercrombie punta molto della sua narrazione su toni cupi, tristi, che non aiutano il proseguimento della lettura, dove nemmeno i personaggi finiscono per entrarci nel sangue o nelle nostre grazie. Troppo stereotipati? Troppo miserevoli e autocommiserevoli? Forse, ma quello che manca è una vera, solida, caratterizzazione dei personaggi, in special modo della protagonista, Monza.

Ella, infatti, non è costruita in modo da poter reggere sulle sue spalle la mole di questo romanzo, non riuscendo ad empatizzare con lei e il suo dolore.

Se la vendetta è un piatto che viene servito freddo, non per questo il romanzo deve essere uguale.

Sara Prian

Riproduzione vietata

il sapore della vendetta joe abercrombie

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...