Il Milan di Inzaghi batte la Lazio 3-1, e la curva lo acclama

ultimo aggiornamento: 01/09/2014 ore 06:51

55

milan inzaghi in panchina
La curva che acclama l’allenatore non si sentiva da un bel po’ a San Siro, invece ieri è successo.
Il Milan di Inzaghi batte la Lazio 3-1, ma soprattutto ha battuto una Lazio che non si è data mai per vinta, che ha continuato a giocare a calcio (come sa fare) fino alla fine.

Pippo è scatenato, tanto da non riuscire a contenersi dentro l’area tecnica: protesta per un fuorigioco, corre sull’erba abbracciando tutti dopo i gol: incontenibile.
Ma non c’è solo entusiasmo, il Milan è convinto nei propri mezzi ed è ben messo in campo.
De Jong detta i tempi a centrocampo e El Shaarawy è ora un giocatore ritrovato. Berlusconi in tribuna era soddisfatto, in attesa degli scatti di Fernando Torres che hanno impressionato MilanLab ai test.

Il Milan di Inzaghi respinge però i complimenti eccessivi: «Pensare di essere già grandi sarebbe l’errore peggiore. Vediamo se riusciamo a essere la sorpresa del campionato».
Alla Lazio, schierata con un 4-3-3, non resta che recriminare per le occasioni sbagliate, compreso il rigore di Candreva a tempo scaduto, parato da Diego Lopez).


Roberto Dal Maschio

01/09/2014

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here