29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Il Bucintoro di Venezia si rifà il look: dalla Francia 600 alberi di quercia

HomeNotizie Venezia e MestreIl Bucintoro di Venezia si rifà il look: dalla Francia 600 alberi di quercia

bucintoro modellino originale 1700

Arriveranno da Bordeaux e dintorni i legni che serviranno per rifare il Bucintoro, l’importante imbarcazione simbolo della Venezia dei Dogi.

Questa nuova importante novità, riporta in voga l’idea di ricostruire la sfarzosa imbarcazione dove il Doge celebrava lo Sposalizio del Mare nel giorno dell’Ascensione.

Per anni si è provato, grazie anche all’impegno della Fondazione Bucintoro, a dare vita a questo progetto, ma i costi ingenti e la mancanza di una vera volontà, hanno sempre frenato la concretizzazione.

Ora però le cose sembrano cambiare proprio grazie a quella Francia che a fine ‘700 con Napoleone distrusse l’imbarcazione. Prima c’è stato l’accordo con l’equipe di Alain Depardieu e Patrick Brunie, che hanno pensato di creare un documentario; poi la disponibilità della grande Tesa delle Galeazze per costruirlo; ed, infine la disponibilità della Francia di offrire il legno che arriverà in laguna a maggio.

Con l’occasione si riaprirà anche la sottoscrizione bancaria per la raccolta di fondi, in aiuto alla costruzione del Bucintoro, per far rivivere almeno un pezzo delle tradizioni di Venezia.

Sara Prian

[16/01/2014]

Riproduzione vietata

(foto: modellino Bucintoro con riproduzione originale del 1700)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Volevo semplicemente tenere a precisare, onde evitare equivoci, che se si è giunti a tale, eccezionale risultato, è solo grazie alla Fondazione Bucintoro, che a suo tempo ha siglato un accordo con l’Equipe di A. Depardieu e P. Brunei per una collaborazione internazionale tra Venezia e Parigi. La Fondazione, che è l’unica depositaria del progetto e che ha il Sindaco di Venezia Giorgio Orsoni come Presidente, si adopererà con l’aiuto di tutti a portare avanti questo enorme progetto col quale si preserveranno le antiche arti e i mestieri della tradizione veneziana, dell’arte applicata e delle nuove tecnologie legate al passato, sotto l’egida di Venezia, ma con un respiro europeo.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.