18.1 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Mentre giovane africano con i machete terrorizzava i passanti, si facevano selfie

HomeCronacaMentre giovane africano con i machete terrorizzava i passanti, si facevano selfie

kabobo uccide a milano tre persone con il piccone

Giovane africano si aggira per il centro storico di Jesi, minacciando i passanti con due machete. La gente, ricordando il caso Kabobo (nella foto un’immagine dell’epoca), terrorizzata telefona alle forze dell’ordine e finalmente, verso le 20 di ieri sera, viene arrestato da carabinieri e polizia dopo più di un’ora di angoscia.

La cattura non è stata per nulla agevole. L’uomo, vista la mal parata si era rifugiato in una chiesa, ma poi si sarebbe allontanato ancora, facendo di nuovo perdere le proprie tracce, finché non è stato raggiunto e bloccato dalle forze di polizia.

Il comandante dei carabinieri di Jesi, capitano Mauro Epifani, è rimasto lievemente ferito al fianco sinistro nel tentativo di disarmare il giovane nero che per oltre un’ora ha terrorizzato i passanti a Jesi, brandendo in mano i due machete.

Il militare aveva cercato di avvicinare l’uomo, già circondato dalle forze di polizia nel portico di una chiesa, portando con sé la madre del giovane per tentare di convincerlo ad essere più ragionevole. Il comandante è invece stato raggiunto da un colpo di machete che fortunatamente l’ha ferito solo di striscio.

Nota di colore: mentre per la strada regnava il terrore alcuni non trovavano di meglio da fare che fare ‘selfie’.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.