5.9 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

A Padova si denunciano i politici: responsabili dei suicidi

HomeNotizie VenetoA Padova si denunciano i politici: responsabili dei suicidi
la notizia dopo la pubblicità

caserma carabinieri

Sono già una decina solo a Padova i cittadini che si sono presentati dai carabinieri per presentare formale denuncia contro la classe politica, individuata come colpevole del reato 580 del codice penale: istigazione al suicidio.

L’iniziativa è partita il 15 gennaio scorso con un gruppo Facebook un pò in sordina, ma in tutto il Veneto è cresciuta in maniera esponenziale. Le adesioni sono ora qualche centinaio, e sono già 15mila le denunce presentate in tutta Italia alle varie stazioni dei carabinieri.

Antonio Grazia Romano, avvocato penalista di Potenza che ha innescato la protesta, assieme ad un pool di avvocati tra cui Carlo Taormina, ha quantificato attraverso il codice penale il malessere, la sfiducia, quindi il presunto danno subito da tante persone, ed ha messo a disposizione una denuncia – querela scaricabile da Facebook, accessibile a tutti, soppesata in ogni minimo dettaglio con richiamo alla Costituzione, alla Convenzione europea per i diritti dell’uomo e al codice penale.

Siccome la responsabilità penale è personale e non «del Governo» o «del Parlamento» un’eventuale indagine deve trovare i responsabili, le persone, insomma.

A Padova vive uno dei coordinatori della protesta «Comitato 580 cp». Si chiama Aladino Lorin, è un piccolo imprenditore artigiano nel settore dell’edilizia che vive a Conselve. «Ho presentato la mia denuncia subito e come me tanti miei colleghi. Inutile parlare o protestare, qualcuno ha delle responsabilità concrete se tanti amici sono morti, ci sono dei colpevoli, basta trovarli – spiega – andremo avanti comunque e siamo pronti a rivolgerci all’Europa se in Italia le denunce verranno ignorate».

La corsa alla querela è iniziata. Chi volesse informazioni le trova nelle pagine Facebook di Lorin e Romano, o può chiedere informazioni alla mail: comitato580cp @gmail.com.

Redazione

[28/01/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.