Da Mestre a San Stino con l’eroina gialla, carabinieri arrestano spacciatore

ultima modifica: 23/04/2020 ore 15:03

343

carabinieri san stino livenza coronavirus
Da Mestre a San Stino con l’eroina gialla, i carabinieri arrestano uno spacciatore.

Continua l’azione di contrasto sul fronte degli stupefacenti. I militari della Stazione di San Stino arrestano una persona sorpresa a spacciare la cosiddetta “eroina gialla”.


Nonostante il coronavirus la richiesta di stupefacenti, purtroppo, continua ad esserci, e dunque anche l’azione di prevenzione e contrasto non può cessare.

Ne sono ben consapevoli i militari della Stazione di San Stino che, nel tardo pomeriggio di ieri, proprio nell’ambito di un servizio di controllo del territorio, attratti dalla presenza di un uomo che si aggirava con fare sospetto nei pressi della stazione ferroviaria del centro, hanno deciso di approfondire la questione.


L’uomo, dopo essere sceso da un treno proveniente da Mestre, si è diretto con circospezione lungo la pista ciclopedonale che dalla stazione ferroviaria conduce verso il centro ma è stato notato e seguito dai militari dell’Arma. Dopo poco i carabinieri l’hanno sorpreso mentre, con un rapido gesto, passava un piccolo involucro nelle mani di una terza persona, giunta a piedi dalla direzione opposta.

E’ così scattato il controllo dei militari che ha consentito di rinvenire un sacchettino in cellophane contenente 3 grammi di eroina, la cosiddetta “gialla”.

Immediatamente bloccato, l’uomo che era giunto in treno e aveva appena ceduto lo stupefacente, è stato identificato in O. H. 22 anni, nigeriano residente a San Donà di Piave.

Vista la flagranza di reato per lo spaccio di sostanza stupefacente, O. H. è stato arrestato, mentre il cliente che ha ricevuto l’eroina gialla è stato identificato in un residente del luogo e segnalato alla Prefettura di Venezia quale assuntore di droga.

La perquisizione eseguita sull’arrestato, ha consentito di trovare anche una discreta somma di denaro in contante che, ritenuta provento dell’illecita attività, è stata sequestrata insieme all’eroina gialla.

L’arrestato, come disposto dall’Autorità giudiziaria di Pordenone, è stato rimesso in libertà in attesa di giudizio.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here