Cadavere ritrovato in acqua con un sacchetto in testa, è giallo. Indaga la Procura

ultimo aggiornamento: 10/10/2015 ore 09:26

164

Cadavere ritrovato in acqua con un sacchetto in testa, è giallo. Indaga la Procura

Un cadavere è stato avvistato in laguna nella zona di Chioggia. L’allarme è scattato verso le 16.30 di giovedì scorso. Sul posto, nel tratto di laguna compresa tra il ponte translagunare e la Romea Vecchia, si sono subito recati vigili del fuoco e investigatori dei carabinieri.

Il ritrovamento ha comportato l’intervento di una squadra dei sommozzatori dotata di gommoni e da subito il caso è stato avvolto nel mistero: il corpo aveva un sacchetto legato sulla testa.


Le indagini sono avvolte nel più assoluto riserbo, ma è ormai acclarato che si tratta di un vero e proprio giallo: quel sacchetto attorno alla testa qualcuno deve averglielo legato per forza.

La procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e il magistrato, oggi, darà l’incarico al medico legale per l’autopsia. L’esame autoptico dovrà svelare essenzialmente se l’uomo sia deceduto per avvelenamento, asfissia o annegamento. La causa di morte sarà fondamentale per l’inchiesta. Poi c’è la questione dell’identificazione, perché il corpo non ha ancora un nome: l’uomo non aveva documenti con sé.

Redazione


10/10/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here