COMMENTA QUESTO FATTO
 

Agenti Polizia Penitenziaria aggrediti a Santa Maria Maggiore (Venezia). Poliziotti lavorano in scenari di violenza

Agenti Polizia Penitenziaria vittime di violenza nella Casa Circondariale di Santa Maria Maggiore.

Nella serata di ieri, presso la Casa Circondariale di Venezia Santa Maria Maggiore, un detenuto già conosciuto per i diversi eventi critici commessi ai danni dei beni dell’ Amministrazione Penitenziaria anche appiccando incendi ed episodi di aggressioni alla Polizia Penitenziaria si è reso responsabile di un altro gesto violento.

Stando a quanto riferito l’evento si è scaturito per motivi non ben definiti, quindi lo stesso si barricava con le suppellettili nella camera detentiva e all’intervento della Polizia Penitenziaria in servizio per portare alla calma il detenuto ed evitare che lo stesso si procurasse lesioni si scagliava impugnando un pezzo di metallo divelto dalla branda contro gli agenti ferendo uno al volto e l’altro al polso procurandogli ecchimosi e contusioni.

I Poliziotti aggrediti, per via dei colpi al volto l’uno e al polso l’altro venivano soccorsi prima presso l’ infermeria dell’ istituto e poi presso il pronto soccorso dell’ Ospedale riscontrati contusioni con prognosi di gg 5.

A darne notizia è Umberto Carrano – Segretario Provinciale UIL PA Polizia Penitenziaria di Venezia.

Purtroppo, ancora una volta, siamo costretti a registrare una violenta aggressione contro il personale di Polizia con la grande preoccupazione per l’aggravamento di tali atti che porta alla luce lo scenario di violenza nel quale ultimamente si trovano ad operare gli agenti di Polizia Penitenziaria su tutto il territorio nazionale.

E’ ora che i vertici dell’ Amministrazione Penitenziaria in sinergia con la classe politica , prendano piena contezza della grave situazione che investe gli istituti Penitenziari ed in particolar modo quelli gli Istituti del Triveneto .

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà ai colleghi feriti, augurandogli una pronta
guarigione.

UIL PA Polizia Penitenziaria Triveneto

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here