Murano, problemi economici si aggiungono a quelli famigliari: artigiano la fa finita

ultimo aggiornamento: 05/07/2020 ore 09:15

4542

Malore fulminante venerdì pomeriggio, addio a elettricista di Murano

Murano. Ha deciso di farla finita: il suicidio visto come unica via di uscita quando tutto il mondo sembra crollarti addosso e nessuno sembra aiutarti.

E’ andata così per un uomo di 49 anni. Veneziano, artigiano del vetro di Murano che nella disperazione ha trovato la forza per un gesto terribile e drammatico: con una corda.


Il Covid ha dato un colpo durissimo alle sue entrate già provate, il colpo definitivo. A questo si sono aggiunte problematiche familiari come spesso accade quando le cose non vanno bene. E’ frequente che emergano disaccordi in casa quando le condizioni economiche ti inginocchiano, e lui non ce l’ha più fatta sentendosi abbandonato da tutti.

A tutti noi, testimoni inconsapevoli di questo e di tanti drammi che ci affiancano senza scalfire la nostra quotidianità, resta una grande sensazione di impotenza e di vuoto nel quale riecheggiano tutte le promesse e i propositi che sentiamo elencare per televisione in favore delle persone in difficoltà.

Non è bastato per quest’uomo tornare a vivere con i genitori, da solo non ce l’ha fatta a raddrizzare la sua vita che si sgretolava nelle sue fondamenta più importanti: il lavoro e la famiglia.


Questa è la verità ed è fin troppo brutale: ci sono dei momenti nella vita in cui si scopre di essere soli davvero, e frequentemente questa consapevolezza arriva proprio nei momenti di difficoltà.

E quindi l’ultimo atto, quello che pianifichi quando senti di non avere più vie d’uscita. E vai in un magazzino. Da solo. E ti arrendi al pensiero di un mondo che ti ha fatto capire che non ti ha voluto.

Paolo Pradolin

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here