COMMENTA QUESTO FATTO
 

Siamo bloccati all’interno di una stanza chiusa dall’esterno, con in mano solo un foglietto con un indizio e attorno tavoli, oggetti, cassetti, ma anche pezzi di plastica a prima vista inutili, bambole parlanti, specchi con strane scritte. E in un’ora di tempo dobbiamo uscire, pena la morte.

La danger room o escape room è una delle positive manie arrivate dall’America negli ultimi anni. Dopo il minigolf, il laser game e la guerra con pistole che sparano vernice, il nuovo must per i gruppi di ragazzi pare essere rinchiudersi per un’ora in una stanza ed investigare per cercare di uscirne.

Ovvio che il mondo dei giochi di società non poteva che cogliere al volo questa opportunità, e dopo i primi timidi tentativi dell’anno passato, ecco arrivare in tempo per la nuova tornata invernale una serie di prodotti (con l’unico ovvio limite della non-rigiocabilità una volta risolti) che simulano l’esperienza delle escape room. E che, spesso, riescono nell’intento di fare divertire a un prezzo contenuto e senza troppa difficoltà di apprendimento delle regole.

Giochi Uniti non prova con un solo titolo, ma in un colpo solo fa tre per uno con i primi capitoliexit gioco box della nuova linea di gioco, chiamata “Exit” e prodotta su licenza Kosmos.

I tre titoli proposti sono, nell’ordine di uscita, “la baia abbandonata”, con i giocatori costretti per un’avaria alla macchina a cercate un rifugio per la notte nel bosco, “Il laboratorio segreto”, con la convocazione per sottoporsi ad un esperimento scientifico e “la tomba del faraone”, con la visita alla valle dei re e una misteriosa camera sepolcrale. Ad unire i tre titoli, la presenza (ovvia) di un blocchetto di appunti come primo indizio e di un misterioso dischetto rotante che aiuterà a decifrare gli indizi posti nel corso della partita.

Da Vinci, invece, dopo il buon riscontro al Modena Play dell’anno passato, prosegue con “Deckscape: deckspace gioco boxIl Destino di Londra” i capitoli dedicati alla linea Deckscape, altra collana di giochi di carte ispirati alla escape room, con sfruttamento di indizi ed oggetti . In questo nuovo scenario, i giocatori si troveranno per la prima volta “in esterna” per le strade di Londra nel tentativo di disinnescare i quattro ordigni disseminati nella città che scoppieranno al rintocco della mezzanotte. Unico modo per vincere, ovviamente, cooperare alla meglio nel tempo limite di un’ora.

Giocabilità “unica”, tempo breve, prezzo alla pari di una serata al cinema rendono questi prodotti sicuramente originali e adatto ad un gruppo di amici affiatati. Resta il dubbio – ovviamente – sulla durata nel tempo di un progetto che potrebbe risultare alla lunga ripetitivo, ma – almeno a vedere i primi risultati – il rischio è ancora lontano.

EXIT di Inka Brand, Markus Brand, Giochi uniti editore su licenza Kosmos. Gioco di carte e deduzione con abbondante uso di testo per 1-6 giocatori dai 12 anni in su. Durata: 90 minuti, difficoltà media. Prezzo 14,90 euro

Deckscape: Il Destino di Londra di Martino Chiacchiera e Silvano Sorrentino, Da Vinci Games, gioco di carte e deduzione con abbondante uso di testo nel gioco per 1-6 giocatori dai 12 anni in su. Durata: 60 minuti, difficoltà media, prezzo: 10.99 euro

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here