Coronavirus Venezia: salgono i ricoveri. “Record” al Civile

ultima modifica: 20/10/2020 ore 15:43

5402

Coronavirus, i 7 casi del weekend: 4 a Venezia, 1 a Campolongo, Mirano e Salzano

Coronavirus Venezia
e provincia: cinque decessi in 24 ore. Il numero delle vittime fa capire come il Covid abbia ricominciato a correre: un numero tale di decessi non si registrava da oltre cinque mesi nel nostro territorio. Per uno di essi, sebbene contagiato, viene precisato da Villa Salus, che la morte non si può imputare al Covid bensì a gravi patologie pre-esistenti.


I nuovi contagi sono 27. Nel veneziano gli attualmente positivi sono 1.569. I negativizzati sono 3.537.
Come sempre, l’indicatore oggettivamente più significativo è quello dei ricoveri e del conseguente tasso di occupazione dei posti letto. E i numeri oggi non sono tendenti al positivo:
– all’Ospedale Civile di Venezia (SS. Giovanni e Paolo) ci sono

ben 30 persone ricoverate, di cui 28 in reparti ordinari e 2 in terapia intensiva;
– all’ospedale dell’Angelo di Mestre ci sono 10 persone ricoverate, 7 in area non critica e 3 in terapia intensiva;
– L’Ospedale di Mirano ha una persona ricoverata in terapia intensiva;
– all’Ospedale di Dolo ci sono 29 persone ricoverate, 27 in reparti ‘ordinari e 2 in terapia intensiva (aumento di 4 in un giorno).


– Villa Salus, dove da un paio di giorni hanno cominciato ad arrivare ‘appoggi’ dagli altri ospedali, ha 20 persone ricoverate;
– Il Fatebenefratelli ha un ricovero.

L’Ospedale di Jesolo, passando dall’Ulss 3 all’Ulss 4, ha 15 persone ricoverate;
l’Ospedale di San Donà ha una persona ricoverata;
l’Ospedale di Portogruaro ha due ricoverati.

Per quanto riguarda le situazioni localizzate, a Martellago c’è il sospetto che il virus sia entrato al Ceod di Olmo. Finora è certo solo che un’operatrice presenta dei sintomi, per questo utenti e operatori dovranno effettuare i test e i risultati arriveranno nelle prossime ore.
Al Fatebenefratelli, nel sestiere di Cannaregio, a Venezia, sono 26 i contagi finora (18 degenti e 8 operatori), ma la buona notizia è che essendo ormai trascorsi una quindicina di giorni dall’esplosione del focolaio si dovrebbe poter cominciare a contare le prima ‘negativizzazioni’ già a partire da queste ore.

Per quanto riguarda le scuole, la novità di giornata è arrivata da Chioggia dove è stata chiusa la scuola per l’infanzia di Ca’ Lino per un caso. Il piccolo è positivo e ieri, lunedì,

sono stati eseguiti tutti i controlli su compagni di classe e insegnanti con i risultati che devono ancora arrivare ufficialmente, anche se voci di corridoio parlano di ulteriori casi scoperti.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here