Dall’intronizzazione di Francesco a capo della Chiesa Cattolica, l’istituzione fondata da Gesù Cristo è stata oggetto di attacchi senza precedenti che l’hanno portata al pubblico ludibrio e alla ridicolizzazione.
Un sondaggio uscito a fine ottobre ha dimostrato che la spinta innovativa di Bergoglio ha creato un divario con le istituzioni religiose che non è mai stato così ampio in nessun pontificato.

Della serie: se non ci fosse da piangere, ci sarebbe da ridere. Paradossalmente, il “migliore” picconatore della casa di Dio, è stato Bergoglio in persona, che avvalendosi di personaggi notoriamente anticlericali come ad esempio Eugenio Scalfari e Marco Pannella è riuscito nel suo intendo di esecutore fallimentare della cattolicità.

Dopo la sconfitta della linea Kasperiana Bergogliana al Sinodo, guarda caso è scoppiato lo scandalo Vatileaks 2, e riguarda caso, gli unici a venire coinvolti dagli schizzi di fango sono stati due storici nemici di Bergoglio come il Card Bertone e il primo firmatario della famosa lettera di dissidenza dei 13 Card “ribelli”, Card George Pell. “Dettagli”, dai quali si evince che il cosiddetto complotto altro non è che una gigantesca scenografica messa in scena per “eliminare” chi si oppone alla rottamazione dottrinale e finanziaria (chiesa povera per i poveri) della Chiesa Cattolica.

L’apice della comparsata è andata in onda durante l’Angelus del 9 novembre quando con inaudito rancore Bergoglio ha gridato “Diffondere documenti è reato, triste e deplorevole. Ma non mi fermeranno”. Ma se è reato, triste e deplorevole, perchè l’uomo venuto dalla fine del mondo, non chiede direttamente i nomi delle talpe agli autori dei libri che stanno svelando gli intrallazzi dei palazzi vaticani? Per misericordioso spirito di corpo nei confronti dei colleghi di teatrino?

Gianni Toffali
Verona

SHARE
Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here