4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

HomenegoziViale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona
la notizia dopo la pubblicità

Mestre: Viale San Marco perde la ‘sua’ storica pasticceria Corona.
Si trasferiscono a Fossalta di Piave, Raffaella e Fabio, che in quel negozio, per ventisette anni, hanno accontentato felicemente una clientela affezionata con la quale hanno instaurato rapporti significativi e segnali preziosi di una convivialità quotidiana, di un humus familiare di cui una comunità ha bisogno.

Nella loro pasticceria hanno realizzato un ambiente accogliente, caro agli abitanti della zona e non solo.
Con i suoi profumi mattutini a dare il buongiorno, a dire che la giornata può iniziare con l’aroma avvincente e seducente del caffè, e i migliori auspici, gli appassionati e cordiali gestori di quell’amata pasticceria, ricca della magia di cose soavi che escono dal forno, ha portato per lunghi anni una ventata di freschezza e di gioia consolatoria nel cuore degli abitanti.

E che dire dei panettoni, a ruba ogni anno a Natale e Pasqua, di quelle creme deliziose per paste e pasticcini delle pizzette e salatini fragranti per l’ora dell’aperitivo?
Austere, invitanti e golose, le torte che per ogni compleanno la pasticceria ha sfornato con grande soddisfazione dei clienti.
Un via vai sereno, molte conversazioni, discorsi, lamenti, gioia, curiosità, condivisioni personali, una piccola città nella città, grazie alla capacità di ascolto di Raffaella e all’ironia bonaria di Fabio, che hanno messo al mondo due figli, Leonardo e Francesco, fortunatissimi assaggiatori di ogni “bendidio”.

Se ne vanno perché a volta ‘bisogna’, perché i costi non si reggono più, perché Viale San Marco si sta svuotando, perché nel cambiamento, sperano di risollevarsi, anche dai danni economici provocati dalla pandemia.
Vanno altrove anche per sperimentare una nuova esperienza e una rinnovata creatività, per confrontarsi con persone nuove, che in ogni caso di loro sanno già tutto, perché le buone notizie passano di bocca in bocca e di paese in paese.

La pasticceria Corona non è apprezzata solo a Mestre, il tenace e competente lavoro ha consentito un giusto riconoscimento di qualità che è andato ben al di là di Mestre.
Qualche volte la professionalità ha un ritorno, offre stima e credibilità.

Musi lunghi e qualche lacrima dei clienti abituali, delle donne soprattutto, che in Raffaella hanno riconosciuto una persona affidabile, alla quale raccontare, anche le piccole e grandi insidie della vita che hanno sentito condivisa e rispettata.

E poi i ragazzi, che con Fabio ‘sfornavano’ risate e aneddoti divertenti, talvolta degni del cabaret.

Già le prime luminarie stanno per essere installate in tutto il Viale, annunciando il Natale. Mancherà la luce della pasticceria Corona e il buio che uscirà dalle vetrine potrebbe indurre a chi ci amministra, a ripensare al perché i negozi chiudono o vanno altrove, privando a quella che chiameremo comunità, un punto luce confortevole, un luogo di ristoro consolatorio, adatto a tutte le età, che già si rimpiange.

Fra qualche giorno sorrideranno invece i cittadini di Fossalta di Piave, da Via della Speranza, destinatari della successione al trono, che si godranno, beati loro, l’Arte e la soddisfazione della Corona.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: “Venezia, morìa di attività. Il problema di essersi affidati solo al turismo

» leggi anche: “La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

11 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Oramai a Mestre e Marghera le attività storiche e di un certo livello, stanno via via chiudendo tutte… quante serrande abbassate da prima dell’epidemia e ancor più dal 2020… Oramai restano per lo più solo attività aperte da extracomunitari… chissà come mai! E per quel che riguarda la vita a Mestre e Marghera, c’è poco da dire… non sembrano più città Italiane, sembra di essere a seconda dei quartieri, o in Nigeria o in Bangladesh o in Marocco… degrado, sporcizia, insicurezza… islamizzazione in fase avanzata… Ci vuole coraggio per noi Italiani aprire un’attività in queste città! Decisamente…

  2. Un grande augurio , credo di poterlo dire a nome di tutti i negozianti /colleghi /imprenditori del viale . Buona fortuna !

  3. Viale san Marco si spegne perché oramai crescono solo le agenzie immobiliari e le onoranze funebri, mentre chiudono bottega i negozi vivi, come le gelaterie e le pasticcerie. Poi fanno le torri albergo dove c’erano campetti da calcio. Di che cosa vi stupite?

  4. Purtroppo Mestre muore perché si sta sempre più riempiendo di gente straniera. Il problema non è di questa amministrazione ma di scelte a livello nazionale grazie sempre agli stessi, preoccupati solo di non veder diminuire la propria platea di voti. Il problema è di tutte le città. Poca sicurezza grazie a leggi sempre più garantiste per i delinquenti, delitti continui. C’è poco da proporre ad una platea di gente che per forza non può condividere le nistre consuetudini se abituata a una vita diversa. Poi uno stato che pensa solo a colpire l’imprenditoria, asfissiamdola con obblighi e balzelli sempre nuovi, infine il virus. Come si può pretendere che imprese familiari reggano?

  5. Questa mattina, sono passata per Corona e mi ha preso un tristezza e poi una rabbia. Ho pensato che non era giusto e ho capito di quanto bisogno avevo della loro presenza, so di non essere l’unica a provare quel che sto provando. Non so che dire, ma si poteva evitare? Però mille auguri a Raffaella e Fabio.

  6. Grande perdita per il viale,davvero un peccato,auguro il meglio a Fabio e Raffaella, ed un grazie alla mitica Andreina per i suoi articoli.

  7. Mestre è morta.
    Nessuna idea di rilancio, nessuna iniziativa, perdita di attività commerciali storiche, vedi piazza Ferretto e zone limitrofe.
    Città dormitorio sempre meno città.

  8. Mi spiace tanto che Corona chiuda. Mi sento ancora più sola senza quel posto dove mi sono sempre trovata bene. Peccato e povero viale san Marco

  9. Da domani il Viale sara’ molto piu’ triste. In tanti abbiamo perso una CASA. Restano amicizie allegre e solidali ma ci vorra’ tempo per digerire questo trasferimento. A Fabio e Raffaella un grandissimo in bocca al lupo, nella certezza che la loro professionalita’ e simpatia verranno apprezzate e li ripagheranno di tante fatiche.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...