4.4 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Chiuso bar di Mestre, era base di spacciatore che consegnava in monopattino

Homespaccio di drogaChiuso bar di Mestre, era base di spacciatore che consegnava in monopattino
la notizia dopo la pubblicità

La Polizia di Stato di Venezia, con un provvedimento firmato dal Questore della provincia lagunare, Maurizio Masciopinto, a partire da sabato 6 novembre ha imposto ad un Bar di sito in Via Verdi a Mestre la chiusura forzata.
Il provvedimento andrà osservato per 7 giorni.
La decisione è maturata a seguito dell’attività di contrasto allo spaccio di stupefacenti posta in essere dagli uomini del Commissariato di Mestre nei giorni scorsi.

L’attività aveva portato all’arresto di un cittadino nigeriano, di 30 anni, con a carico numerosi precedenti per spaccio, il quale utilizzava il bar come “punto di appoggio” per la sua attività, servendosi inoltre di un monopattino per raggiungere velocemente il luogo individuato per lo scambio.

L’uomo, infatti, era stato visto ripetutamente andare e venire dal locale con il monopattino con il quale distribuiva le dosi ad acquirenti all’esterno del bar, poco distante.
Inoltre, al rientro nel locale, il nigeriano era solito ricaricare i suoi telefoni cellulari ed il monopattino utilizzando le prese messe a disposizione dei clienti.

Una volta scoperta la base logistica dello spaccio, gli investigatori del Commissariato di Mestre sono intervenuti.
All’interno del locale, dietro ad una panca, i poliziotti hanno rinvenuto 8 involucri di sostanza di tipo eroina, che il soggetto aveva tentato invano di occultare.

Ritornato in libertà dopo l’arresto, lo stesso è stato ritrovato a spacciare, sempre nella medesima zona, e sempre utilizzando il medesimo bar come base di appoggio.
Gli agenti sono pertanto nuovamente intervenuti fermando l’uomo il quale, a seguito di perquisizione, è stato trovato in possesso di alcune dosi di eroina, di tre telefoni cellulari e di € 310 in contanti. Inoltre, nel cestino dell’immondizia all’interno del bagno del locale, gli operatori hanno recuperato un pezzo di nylon con residui di sostanza stupefacente ed una lametta da barba.

Al gestore del bar è stata così imposta la chiusura temporanea del locale per 7 giorni, motivata dall’aver dimostrato scarsa capacità di controllo dei propri avventori e per aver permesso che il cittadino nigeriano, anche dopo l’arresto avvenuto proprio nel suo locale, continuasse indisturbato ad esercitare le sue attività illecite, circostanza questa che non poteva di certo passare inosservata.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: Mestre: nigeriano vende droga a poliziotti. E’ rifugiato politico, ha precedenti per spaccio e resistenza a P.U.

» leggi anche: Il più grosso sequestro di droga “della pazzia” oggi. Centrale per lo spaccio a Roma e Mestre

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....